12 Maggio Mag 2015 1957 one year ago

Giovani azzurri crescono: gran numero di Formolo a La Spezia

Inserito lo scorso anno dal Ct Cassani come riserva nella Nazionale di Ponferrada, il veronese ha confermato oggi le sue enormi potenzialità – La maglia rosa passa sulle spalle di Simon Clarke – Aru attacca e Uran perde colpi

Formolo Nazionale

La Spezia (12/5)Davide Formolo, 22 anni, nato a Marano di Valpolicellail 25 ottobre 1992, ha conquistato oggi la vittoria più bella della sua giovanissima carriera nella quarta tappa del Giro d’Italia da Chiavari a La Spezia. L’ha ottenuta con un numero da vero campione, unico superstite della fuga cominciata con 30 compagni di avventura. Fior di corridori, che hanno finito per arrendersi uno dopo l'altro all’inseguimento del gruppo guidato prima dalla Etixx, poi dalla Tinkoff Saxo, infine sulla salita di Passo Termine dall’Astana di Fabio Aru, che ha provocato una selezione importante. Ma il ragazzino veronese non ha mollato. Subito dopo l'entrata sul circuito finale di La Spezia ha attaccato poco prima della salita di Biassa. Hanno tentato invano l'aggancio Visconti e Moinard, poi ripresi sotto la spinta dell’Astana. Sulla salita c’è stato l’attacco di Aru, al quale hanno risposto Contador e Porte, ma non Uran, che al traguardo accuserà un ritardo di 42 secondi dai big della corsa.

Nonostante questo forcing alle sue spalle, Formolo ha proseguito senza voltarsi verso il traguardo, che ha tagliato in solitudine con 22” di vantaggio sul gruppetto dei cacciatori regolato da Simon Clarke, nuova maglia rosa dopo Gerrans e Matthews, oggi precipitato senza paracadute dalle prime posizioni della classifica.

Che dire? Non bisogna esaltarsi troppo, ma Formolo conferma le ottime impressioni che avevano indotto il Ct Davide Cassani ad inserirlo come prima riserva nella Nazionale ai Mondiali di Ponferrada al suo primo anno da professionista. E il cucciolo continua a crescere a vista d’occhio. Oggi ha dato un ulteriore saggio delle sue potenzialità già evidenziate da under al Giro della Pesca Nettarina e al Giro della Valle d’Aosta. Nel 2014, al primo anno da professionista, si è piazzato secondo al campionato italiano in volata con Nibali. Forte di gamba e di testa, ha davanti un grande futuro tutto ancora da scoprire.

Dopo il successo ha dichiarato a caldo: "I 500 metri finali sono stati assolutamente incredibili. Il rumore della folla mi ha fatto drizzare i capelli in testa. Ho capito che avrei vinto la tappa solo a 100 metri dal traguardo. Non pensavo alla Maglia Rosa. Sto correndo il mio primo Giro d'Italia, prendo le cose giorno per giorno e non sento alcuna pressione. Qui corriamo per Hesjedal nella classifica generale, non so se avrò un'altra possibilità di vincere una tappa."

La nuova Maglia Rosa, Simon Clarke, ha detto: "È un momento davvero speciale per me. Avete potuto vedere le mie emozioni sulla linea traguardo. Sono molto felice di poter tenere la Maglia Rosa in seno a Orica GreenEdge. È stato un inizio fantastico per la squadra. Il piano per la tappa di ieri era di correre per la volata, sapevo di non avere chance di prendere la maglia. Ma oggi era diverso, non ho mollato e questa maglia ne è la ricompensa."

LA TAPPA DI DOMANI

LA SPEZIA - ABETONE Km. 152km
Percorso - Primo arrivo in salita del Giro 2015. Frazione abbastanza breve con due sole asperità dalle pendenze non particolarmente elevate. Prima parte sostanzialmente pianeggiante fino dopo Aulla dove la strada comincia a salire verso Foce Carpinelli (GPM) per poi ridiscendere e superare la breve salita di Barga e portarsi ai piedi della salita finale di circa 17km al 5.4%

Ultimi km
Salita finale di 17,3 km da La Lima. Primi 4,5km con pendenze poco superiori al 2%, poi gli 8km più ripidi attorno al 7% per spianare leggermente (5%) fino all’arrivo, tutto su strada larga, ben pavimentata. Rettilineo finale lungo 100m tutto in salita al 5% (fondo in asfalto, larghezza 5,5m).


4^ TAPPA

1

Davide Formolo (Ita, Cannondale-Garmin Pro Cycling Team) Km. 150 in 3:47:59

2

Simon Clarke (Aus, Orica GreenEdge) a 22”

3

Jonathan Monsalve (Ven, Southeast Pro Cycling)

4

Giovanni Visconti (Ita, Movistar Team)

5

Esteban Chaves (Col, Orica GreenEdge)

6

Fabio Aru (Ita, Astana Pro Team)

7

Amaël Moinard (Fra, BMC Racing Team)

8

Dario Cataldo (Ita, Astana Pro Team)

9

Alberto Contador (Spa, Tinkoff-Saxo)

10

Richie Porte (Aus, Team Sky)

11

Kanstantsin Siutsou (Blr, Team Sky)

12

Darwin Atapuma Hurtado (Col, BMC Racing Team)

13

Roman Kreuziger (Cze, Tinkoff-Saxo)

CLASSIFICA GENERALE

1

Simon Clarke (Aus, Orica GreenEdge) in 11h54’48”

2

Esteban Chaves (Col, Orica GreenEdge) a 10”

3

Roman Kreuziger (Cze, Tinkoff-Saxo) a 17”

4

Alberto Contador (Spa, Tinkoff-Saxo) st

5

Fabio Aru (Ita, Astana Pro Team) a 23”

6

Dario Cataldo (Ita, Astana Pro Team) st

7

Giovanni Visconti (Ita, Movistar Team) a 29”

8

Amaël Moinard (Fra, BMC Racing Team) a 31”

9

Davide Formolo (Ita, Cannondale-Garmin Pro Cycling Team) st

10

Richie Porte (Aus, Team Sky) a 37”

14

Rigoberto Uran (Col, Etixx - Quick-Step) a 1’11”



MAGLIE
MAGLIA ROSA – BALOCCO – Simon Clarke (ORICA GREENEDGE)
MAGLIA ROSSA – ALGIDA – Elia Viviani (TEAM SKY?
MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM – Pavel Kochetkov (TEAM KATUSHA)
MAGLIA BIANCA – EUROSPIN – Johan Esteban Chaves (ORICA GREENEDGE)

NEWS CORRELATE

Matthews, lampo rosa a Sestri Levante

Elia Viviani tocca il cielo con un dito a Genova

L’Orica dona a Gerrans la prima rosa

GIRO D’ITALIA: Sabato il via dalla Riviera dei Fiori