17 Maggio Mag 2015 1904 one year ago

Paolo Tiralongo trionfa a San Giorgio del Sannio

Nona tappa del Giro nel segno dell’Astana, che centra il bersaglio e assesta con Aru e Landa un altro colpo a Rigoberto Uran con la collaborazione di Contador, mentre Porte va al traino

Nona Giro

San Giorgio del Sannio (BN) (17/5) – Con uno straordinario attacco nel finale Paolo Tiralongo (Astana) vince in solitudine la nona tappa del 98° Giro d'Italia, Benevento-San Giorgio del Sannio di 224 km. Secondo a 21" l'olandese Steven Kruijswijk (Lotto Jumbo), terzo a 23" il tedesco Simon Geschke (Giant-Alpecin), ambedue componenti della fuga di giornata. Per il 37enne di Avola, pro' dal 2000, si tratta del secondo centro stagionale, il terzo al Giro d'Italia e il quarto da professionista.

Sul Passo Serra, mentre Tiralongo vola verso il traguardo, l’Astana dà battaglia ancora una volta con Aru e Landa, provocando un altro cedimento di Rigobeto Uran. Risponde da par suo il leader Contador, con più fatica Porte, che poi si mette al traino del terzetto senza tirare un metro. La Maglia Rosa invece collabora per allargare il gap di Uran. Aru fa pure la volata e rosicchia un secondo allo spagnolo. Punture di spillo, in attesa dei colpi che i duellanti si scambieranno nei prossimi giorni. Domani il Giro riposa. L’Astana ripartirà con tre uomini nei primi dieci della classifica: Aru secondo a 3” da Contador, Landa quarto a 46”, Cataldo quinto a 1’16” (nelle foto Bettini, da sinistra: l’arrivo di Tiralongo, a destra la volata di Aru davanti a Contador e Porte).

La tappa di oggi è stata allungata di 9 km rispetto ai 215 in programma. Presenta quasi 4000 metri di dislivello, due traguardi volanti, tre Gpm, La Tinkoff-Saxo controlla i tentativi di attacco fino al chilometro 60, quando nasce una fuga di 11 corridori: Tiralongo (Astana), Colbrelli (Bardiani-CSF), Moinard (Bmc), Elissonde (FDJ), Herrada (Movistar), Hesjedal e Slagter (Cannondale Garmin), poi Geschke (Giant Alpecin), Belkov (Katusha), Kruijswijk (Team NL Jumbo) e Betancur (AG2R).

I fuggitivi passano al primo Gpm di giornata (Monte Terminio al km 102.8, 2ª categoria: 1°Geschke) con 5' di vantaggio sul gruppo. Trenta chilometri dopo, il Gpm di 1ª categoria di Colle Molella (ancora Geschke primo, nuova maglia azzurra) resta nelle gambe di tutti: degli attaccanti - vantaggio calato a circa 3' - e del gruppo, che sulla seconda importante ascesa di giornata si sgretola.

Sulla successiva discesa l'olandese Tom Jelte Slagter prende il largo dalla fuga. L'atleta della Cannondale-Garmin transita da solo al traguardo volante di Lioni (km 156) e a 56 dall'arrivo ha 1'45" di vantaggio sugli inseguitori e 5' sul gruppo.

I conti sono stati regolati dopo circa 210 km di gara sul Gpm di Passo Serra, 3,6 km con una pendenza media dell'8% e punte al 13%. A 15 dal traguardo Slagter attacca da solo le dure rampe verso il Gpm (1'45" sui contrattacanti, 5'28" sul gruppo); dietro cominciano le scintille tra gli inseguitori con scatti e controscatti, tra i più brillanti Paolo Tiralongo.

Con il gruppo maglia rosa ai meno 15 dal traguardo, Fabio Aru attacca sul punto più duro di Passo Serra, portandosi dietro, oltre al suo compagno di squadra Landa, anche Porte e Contador. Slagter, ripreso ai meno 8 da Tiralongo,i è superato dal 37enne siciliano che s'invola in solitaria verso il traguardo. Dietro di lui, secondo a 21", Kruijswijk; terzo Geschke a 23", che fa sua la maglia azzurra.

I big arrivano in volata ristretta: Aru 10° a 56" da Tiralongo, dopo un secondo Contador (11°) e Porte (12°). Poco dietro l'impagabile Landa.

Rigoberto Uran chiude 28° con 1'43" di ritardo dal primo. Nelle posizioni più alte della classifica cambia poco: il 32enne spagnolo resta in maglia rosa, il sardo dell'Astana guadagna 1" nella generale.

Il vincitore di tappa, Paolo Tiralongo, dice: "Oggi la mia squadra ha lavorato alla grande. Sono entrato nella fuga giusta. Il mio lavoro doveva essere quello di aspettare i miei compagni sulla salita finale ma le cose non sono andate esattamente così. È stata una vittoria inaspettata. L'ammiraglia mi ha dato il via libera e ho fatto gli ultimi cinque chilometri al 100%. Sull'ultima dura salita finale ho ripreso Slagter e ho tenuto duro fino alla linea del traguardo."

La Maglia Rosa Alberto Contador commenta: "Avrei preferito correre in modo più conservativo sull'ultima salita ma Aru mi ha chiesto di collaborare perché Urán si era staccato. Era importante mettere del tempo tra di noi. Abbiamo collaborato anche se in volata mi ha staccato di un secondo, ma resto molto contento della mia posizione dopo nove tappe. Ho la Maglia Rosa ed il giorno di riposo per recuperare gambe e infortunio alla spalla."

DOMANI PRIMO GIORNO DI RIPOSO - LA TAPPA DI MARTEDÌ

Tappa n. 10 – CIVITANOVA MARCHE - FORLÌ – 200km
PercorsoTappa completamente pianeggiante che percorre per la sua quasi interezza la strada statale costiera Adriatica con una breve deviazione per scalare il Monte di Gabicce salendo da Pesaro dopo aver percorso su strade larghe e sostanzialmente rettilinee i primi 100km. Seguono altri 60km sempre praticamente diritti lungo la SS9 Via Emilia che porta attraverso Santarcangelo di Romagna, Cesena e Forlimpopoli all’arrivo di Forlì.

Ultimi km - Ultimi chilometri dopo Forlimpopoli sempre rettilinei con alcuni ostacoli urbani come rotatorie e spartitraffico. A circa 2km dall’arrivo tratto di 1.500m in pavé con una curva a 1.100m (Piazza Saffi) e un restringimento di carreggiata a 800m dall’arrivo. Ultima curva a 500m dall’arrivo e retta finale posta su asfalto pianeggiante di larghezza 7m.

NONA TAPPA

1

Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team Km. 224 in 5h50’31”

2

Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNL-Jumbo) a 21”

3

Simon Geschke (Ger) Team Giant-Alpecin) a 23”

4

Amaël Moinard (Fra) BMC Racing Team) st

5

Jesus Herrada (Spa) Movistar Team) st

6

Carlos Betancur (Col) AG2R La Mondiale) st

7

Tom Jelte Slagter (Ned) Cannondale-Garmin Pro Cycling Team) st

8

Kenny Elissonde (Fra) FDJ.fr) st

9

Ryder Hesjedal (Can) Cannondale-Garmin Pro Cycling Team) a 27”

10

Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team) a 56”

CLASSIFICA GENERALE

1

Alberto Contador (Spa) Tinkoff-Saxo) in 38h31’35”

2

Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team) a 3”

3

Richie Porte (Aus) Team Sky) a 22”

4

Mikel Landa Meana (Spa) Astana Pro Team) a 46”

5

Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team) a 1’16”

6

Roman Kreuziger (Cze) Tinkoff-Saxo) a 1’46”

7

Giovanni Visconti (Ita) Movistar Team) a 2’02”

8

Rigoberto Uran (Col) Etixx - Quick-Step) a 2’10”

9

Damiano Caruso (Ita) BMC Racing Team) a 2’20”

10

Andrey Amador (CRc) Movistar Team) a 2’24”


MAGLIE
MAGLIA ROSA – BALOCCO – Alberto Contador (TINKOFF SAXO)
MAGLIA ROSSA – ALGIDA – Elia Viviani (TEAM SKY)
MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM – Simon Geschke (TEAM GIANT - ALPECIN)
MAGLIA BIANCA – EUROSPIN – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM)

NEWS CORRELATE

Intxausti, fuga per la vittoria a Campitello Matese

Diego Ulissi ritrova a Fiuggi la strada del successo

Greipel anticipa Pelucchi e Modolo a Castiglione

L’Abetone incorona Polanc e fa uscire allo scoperto i tre big

Giovani azzurri crescono: gran numero di Formolo a La Spezia

Matthews, lampo rosa a Sestri Levante

Elia Viviani tocca il cielo con un dito a Genova

L’Orica dona a Gerrans la prima rosa

GIRO D’ITALIA: Sabato il via dalla Riviera dei Fiori