21 Maggio Mag 2015 1837 2 years ago

Sul Monte Berico si rivede un grande Gilbert

L’ex campione del mondo mette a segno la prima stoccata della stagione, Contador secondo, porta il suo vantaggio su Aru a 17”, Ulissi corona un duro inseguimento con il terzo posto

Gilbert Berico

Monte Berico (VI) (21/5) - Dopo 190 km di gara il belga Philippe Gilbert (Bmc) ha vinto la 12^ tappa del 98° Giro d'Italia, da Imola a Vicenza (photobicicailotto). Il 32enne belga ex campione del mondo ha trionfato all'arrivo sul Monte Berico con 3" di vantaggio sulla maglia rosa Alberto Contador (Tinkoff) e Diego Ulissi (Lampre-Merida), rientrato sui primi nel finale dopo un duro inseguimento sulla salita di Crosara.

Per Gilbert, pro' dal 2003, si tratta del primo centro stagionale, il 64° da professionista. Al quarto posto si è piazzato Simon Geschke (Giant), quinto Enrico Battaglin (Bardiani). Uran e Porte, rispettivamente 11° e 12°, a 6" da Gilbert e 3" da Contador. Fabio Aru (Astana) arriva a 8" da Contador: considerati i 6" di abbuono della maglia rosa, il distacco del sardo dallo spagnolo in classifica sale a 17".

Centonovanta chilometri sul menù di giornata, una frazione divisa in due: i primi 130 piatti; gli ultimi 60 molto mossi con 3 Gpm impegnativi (punte anche del 17%). La prima ora di gara trascorre a gruppo compatto ma a 52.2 km orari di media. Dopo 70 km a salutare la compagnia dei 187 al via sono in cinque: Patrick Gretsch (AG2R-La Mondiale), Davide Appollonio (Androni-Sidermec), Enrico Barbin (Bardiani-CSF), Kenny Elissonde (FDJ) e Nick Van der Lijke (Lotto NL-Jumbo).

Con l'avvicinamento al traguardo di Vicenza inizia a piovere, e la tappa si complica. A capirlo prima di tutti sono i colombiani Carlos Betancur (AG2R) e Darwin Atapuma (Bmc), scivolati e poi ripartiti sull'asfalto viscido di Monselice (km 115,9). Dopo un vantaggio massimo sul gruppo di 2'30" i fuggitivi affrontano la prima ascesa di giornata (Castelnuovo, km 135, 4ª cat.) con un margine inferiore al minuto. I primi a cedere sono Barbin ed Elissonde, poi gli altri tre sono ripresi dal gruppo a meno 60 km dal traguardo.

Il primo a transitare al Gpm di Castelnuovo (135,5 km) è il tedesco Simon Geschke (Giant-Alpecin), davanti a Benat Intxausti (Movistar). Sulla discesa successiva si avvantaggiano in due: Gianfranco Zilioli (Androni), scattato in salita, e Louis Vervaeke (Lotto Soudal). Ai meno 40 il belga resta solo con 40" sul gruppo maglia rosa. Nove chilometri dopo, ai piedi della dura salita di Crosara, deve arrendersi.

La seconda ascesa di giornata è salita vera (3 cat., 3,7 km, media 9,1%, massima 17%) e lo si capisce subito: sulle prime rampe il gruppo esplode, Intxausti transita primo al Gpm e dietro in molti perdono contatto dalle posizioni di testa. Ma, soprattutto, la maglia rosa Alberto Contador “testa” Aru negli ultimi 100 metri di salita: il sardo risponde, ma con meno brillantezza dello spagnolo. La discesa di Crosara, resa viscida dalla pioggia, fa buona parte dei giochi di giornata: vanno giù prima Davide Formolo e Simon Gerrans, poi Sebastian Henao e Stef Clement, con quest'ultimo che, soccorso, riparte solo dopo diversi minuti.

Il gruppo si fraziona, al comando si forma una testa di una ventina di corridori con tutti i big.

Ai meno 15, sulla salita di Perarolo, parte l'attacco dell'inesauribile capitano Androni, Franco Pellizotti, che guadagna 30" in due chilometri. Il 37enne friulano viene raggiunto da Tanel Kangert (Astana) a 5,5 km dal traguardo di Vicenza. La coppia ai meno 2 conserva 30" sul gruppo maglia rosa.

All'ultimo chilometro, sulla salita verso il santuario di Monte Berico, i due provano a giocarsi la tappa, ma il ritorno del gruppo è implacabile: ripresi gli attaccanti parte il belga ex campione del mondo Philippe Gilbert, che con un allungo potente, da classica del nord, fa il vuoto e alza le braccia al traguardo. Secondo, a 3", la maglia rosa Alberto Contador, terzo Ulissi. Aru arriva attardato nella coda di questo gruppo di una ventina di corridori e perde 8” da Contador più i 6” di abbuono.

Il vincitore di tappa, Philippe Gilbert: “La squadra oggi ha fatto un grande lavoro. Ieri abbiamo lavorato molto ma non sono riuscito a lottare per il podio ed avevo paura di perdere la fiducia dei miei compagni. Ma nel nostro meeting prima della tappa abbiamo deciso di dare tutto oggi. Sono venuto a guardare in questa tappa dopo la Milano-Sanremo e conoscevo ogni dettaglio degli ultimi 70 km. Fabio Baldato era in ammiraglia, dandomi sempre incoraggiamento e informazioni. Il finale è stato molto duro e il tempo era orribile - non freddo, ma bagnato - ma i 400m finali sono andati alla perfezione. È una grande sensazione”.

La Maglia Rosa, Alberto Contador: “È stata un'altra giornata molto dura. Abbiamo corso le prime due ore a circa 50km/h, poi la pioggia è cominciata. Il gruppo si è spezzato con le alte velocità,ma ho avuto buone gambe. Philippe Gilbert era molto forte sulla salita finale, io pensavo alla classifica generale e sono molto soddisfatto del risultato di oggi”.

LA TAPPA DI DOMANI

Tappa n. 13 MONTECCHIO MAGGIORE-JESOLO Km. 147

Percorso - È una delle tappe più brevi del Giro completamente pianeggiante. Si attraversa la pianura veneta da Montecchio Maggiore via Vicenza, Piazzola sul Brenta, Mirano, Mestre, Musile di Piave per giungere a Eraclea dove iniziano gli ultimi 20km. Da segnalare negli attraversamenti cittadini numerosi ostacoli urbani come rotatorie, dossi e spartitraffico.

Ultimi km - Finale velocissimo e pianeggiante. Superato il Piave a Eraclea si tocca Jesolo città per raggiungere la località di Cortellazzo lungo una strada di argine. A Cortellazzo svolta a destra su ponte con strettoia e quindi strade larghe, piatte e rettilinee punteggiate da rotatorie di diverso diametro fino all’arrivo. Rettilineo finale di circa 500 metri su asfalto largo 7m.


FONTE: www.gazzetta.it

12^ TAPPA

1

Philippe Gilbert (Bel, BMC Racing Team) Km. 190 in 4h22’50”

2

Alberto Contador (Spa, Tinkoff-Saxo) a 3”

3

Diego Ulissi (Ita, Lampre-Merida)

4

Simon Geschke (Ger, Team Giant-Alpecin)

5

Enrico Battaglin (Ita, Bardiani CSF)

6

Paolo Tiralongo (Ita, Astana Pro Team)

7

Ion Izagirre (Spa, Movistar Team)

8

Carlos Betancur (Col, AG2R La Mondiale)

9

Jurgen Van Den Broeck (Bel, Lotto Soudal)

10

Mikel Landa Meana (Spa, Astana Pro Team)

CLASSIFICA GENERALE

1

Alberto Contador (Spa, Tinkoff-Saxo) 51h17’06”

2

Fabio Aru (Ita, Astana Pro Team) a 17”

3

Mikel Landa Meana (Spa, Astana Pro Team) a 55”

4

Dario Cataldo (Ita, Astana Pro Team) a 1’30”

5

Roman Kreuziger (Cze, Tinkoff-Saxo) a 1’55”

6

Rigoberto Uran (Col, Etixx - Quick-Step) a 2’19”

7

Giovanni Visconti (Ita, Movistar Team) a 2’21”

8

Damiano Caruso (Ita, BMC Racing Team) a 2’29”

9

Andrey Amador (CRc, Movistar Team) a 2’38”

10

Leopold Konig (Cze, Team Sky) a 2’44”

MAGLIE
MAGLIA ROSA – BALOCCO: Alberto Contador (TINKOFF SAXO)
MAGLIA ROSSA – ALGIDA: Nicola Boem (BARDIANI CSF)
MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM: Beñat Intxausti (MOVISTAR TEAM)
MAGLIA BIANCA – EUROSPIN: Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM)

NEWS CORRELATE

Zakarin da Formula Uno a Imola

Nicola Boem corona a Forlì la fuga targata “Italia”

Paolo Tiralongo trionfa a San Giorgio del Sannio

Intxausti, fuga per la vittoria a Campitello Matese

Diego Ulissi ritrova a Fiuggi la strada del successo

Greipel anticipa Pelucchi e Modolo a Castiglione

L’Abetone incorona Polanc e fa uscire allo scoperto i tre big

Giovani azzurri crescono: gran numero di Formolo a La Spezia

Matthews, lampo rosa a Sestri Levante

Elia Viviani tocca il cielo con un dito a Genova

L’Orica dona a Gerrans la prima rosa

GIRO D’ITALIA: Sabato il via dalla Riviera dei Fiori