18 Giugno Giu 2015 2340 2 years ago

GIRO ROSA: Grande attesa per la tappa trevigiana del 5 luglio

Presentata la Gaiarine-San Fior, seconda frazione della corsa a tappe femminile dopo la partenza in Slovenia

Girodonne Treviso

San Fior (TV) (18/6) - A distanza di alcuni giorni dal Giro d'Italia con la cronometro Treviso-Valdobbiadene, la Marca trevigiana si tingerà nuovamente di rosa. Questa volta perché saranno le donne le vere protagoniste. Domenica 5 luglio è in programma la Gaiarine-San Fior, la seconda tappa del Giro d'Italia Femminile che inizierà ufficialmente in Slovenia.

Nella serata di mercoledì 17 giugno, a San Fior, di fronte al pubblico delle grandi occasioni, è stato svelato ufficialmente il tracciato della tappa che partirà poco distante dal Municipio di Gaiarine e attraverserà altri quattordici comuni trevigiani per giungere a San Fior (nelle foto Bolgan, in alto: il tavolo dei relatori, sotto da sx a dx: il sindaco di Gaiarine, Mario Cappellotto, al centro Giuseppe Rivolta, direttore Giro Rosa, Gastone Martorel, Sindaco di San Fior).

Quasi 122 (121.5) chilometri che metteranno alla prova le atlete perché ci saranno alcuni tratti che potrebbero mettere in difficoltà anche le scalatrici. Fino al chilometro 73 sarà una "passeggiata", con tre traguardi sotto la linea d'arrivo a San Fior (Via Zoppè) e un piccolo circuito che si svilupperà nei comuni vicini, poi quando si giungerà a Conegliano la gara entrerà nel vivo. È proprio dal Castello della città del Cima che inizierà la seconda fase della tappa che prevede tre gran premi della montagna, rispettivamente a Rua di San Pietro di Feletto, a San Lorenzo di Vittorio Veneto e a Piai di Fregona (Grotte del Caglieron). Prima di giungere in Via Zoppè, nella frazione San Fior di Sotto, le atlete dovranno percorrere l'ultimo strappo del "Calvario" a Colle Umberto.

Sono due in particolare le concorrenti che hanno uno stretto legame con questi territori: Irene Bitto, passista di Cordignano, della Top Girls Fassa Bortolo Calinferno, che ha iniziato a correre proprio con la Sanfiorese (società organizzatrice della tappa) e Francesca Cauz che dovrà tagliare il traguardo proprio davanti alla pizzeria di mamma e papà.

Francesca, residente a San Fior, scalatrice, Maglia Bianca al Giro Rosa 2013, ha già provato questa emozione. È infatti il secondo anno consecutivo che viene proposta la Gaiarine-San Fior. Lo scorso anno vinse Emma Pooley (Lotto-Belisol) che tagliò il traguardo in solitaria davanti alle olandesi della Rabo-Liv Anna Van Der Breggen (seconda) e Marianne Vos (terza).

Per il patron del Giro Rosa, Giuseppe Rivolta, rimasto stupito dal calore del pubblico della Gaiarine-San Fior 2014. "Quella del prossimo 5 luglio - ha sottolineato - non sarà una tappa durissima ma le atlete non dovranno perdere la concentrazione perché non ci sarà respiro a causa della presenza di numerosi traguardi volanti e gran premi". Il Sindaco di Gaiarine, Mario Cappellotto e il primo cittadino di San Fior, Gastone Martorel durante la presentazione hanno ringraziato quanti stanno lavorando per la messa a punto degli ultimi dettagli, gli sponsor, la Regione Veneto, la Provincia di Treviso ed i Comuni attraversati dalla tappa.

Francesco Coppola