9 Marzo Mar 2017 2035 7 months ago

Svelato il 40° Giro d’Italia U23 Enel

Al Salone d’Onore del Coni presentata la corsa che torna dopo quattro anni - Il saluto di Malagò e Di Rocco, presenti il coordinatore delle Nazionali Cassani, il presidente della Nuova Ciclistica Placci Selleri, il CT Amadori

Girou23 Malago

Roma (9/3) - Nasce sotto i migliori auspici il Giro d’Italia U23 Enel, giunto alla 40esima edizione, che dopo quattro anni di assenza torna preponderante ed emozionante più di prima (foto Comunicazione Fci).

Al suo battesimo il presidente del Coni Giovanni Malagò: “Il ciclismo è protagonista e con numeri dei praticanti è ormai un fenomeno sociale prima ancora che sportivo. Felice di essere qui con alcuni amici. Davide Cassani è elemento di garanzia non solo tecnica e stiamo spingendo molto in ambito giovanile mentre Marco Selleri ha una grande sensibilità e passione per questo sport. Ci sono tanti amici del ciclismo e tanti rappresentanti istituzionali qui oggi. Questo giro d’Italia - conclude il presidente Malagò - parte dalla casa dello sport italiano ed è di buon auspicio”.

Così il presidente della Federciclismo, Renato Di Rocco, che ha sostenuto il progetto fin dai suoi esordi con Cassani e Selleri: “Il ritorno di un Giro d’Italia dedicato alla categoria U23 è motivo di orgoglio oltre che segnale concreto che il territorio crede sempre di più e vuole investire nel ciclismo ed in questa categoria così importante perché anticamera del professionismo – dice il Presidente Di Rocco – Sarà una vetrina fondamentale per le nostre squadre ed un giro entusiasmante che raccoglierà consensi dal pubblico, sia per la bellezza di come è stato disegnato, sia per i valori atletici che scenderanno in campo. Ripartiamo con un progetto ambizioso che è anche una soddisfazione con Enel al nostro fianco e altri partner istituzionali; in particolare le regioni toccate dal Giro hanno una forte tradizione del ciclismo. E non dimentichiamo che la bici è una ambasciatrice straordinaria per valorizzare tutti i plus sul territorio” - conclude Di Rocco che ringrazia Giancarlo Brocci, uno tra i primi a credere in questo progetto perché ideatore dell’allora Giro Bio, l’allora Giro d’Italia dilettanti.

Marco Selleri, presidente della società organizzatrice Nuova Ciclistica Placci 2013, racconta: “La passione per il ciclismo è nel DNA di noi romagnoli perché coinvolge in un rapporto umano unico con tutte le persone coinvolte. Questo è il ciclismo. Le radici del Giro della Pesca e Nettarina di Romagna hanno prodotto la ripartenza del Giro d'Italia Under 23. Sabato 24 maggio 2013, alla partenza della penultima tappa, la Cotignola-Palazzuolo sul Senio, il 19° Giro Nettarine venne onorato della presenza del nostro caro presidente Renato Di Rocco. Furono sufficienti poche parole per una domanda: "Potrebbe tutto questo tramutarsi nel Giro d'Italia Under 23?". Risposi:"Possiamo lavorarci e serve tempo". Quella tappa rimarrà nella storia del nostro piccolo Giro. Sulla Sambuca, la neve fece saltare l’arrivo sul passo del Paretaio e ci obbligò ad accorciare la gara. Fu la scelta più giusta per salvaguardare la salute dei corridori. Vinse Davide Formolo che alla fine conquistò il suo secondo Giro, con Antonio Nibali secondo e Davide Villella terzo, a testimonianza che la nostra corsa ha sempre promosso grandi corridori. Da quel giorno avevo due pensieri in testa: come portare il Giro Nettarine all’edizione numero 20 e da che parte farmi per rispondere alla domanda del presidente. Domenica 25 maggio anche il nostro CT Davide Cassani onorò l’arrivo dell’ultima tappa e come un agricoltore concima la pianta del pesco, allo stesso modo lui concimò quella domanda. La mia risposta fu sempre la stessa: “Possiamo lavorarci e serve tempo". Al 20° Giro Nettarine del 2015 il CT presenziò a due tappe e concimò nuovamente la pianta del pesco: “Hai visto Formolo? Ha già vinto una tappa al Giro dei professionisti e due anni fa era qui". Arrivò il 2016 e, insieme al mio gruppo di amici, decidemmo di fermarci per dedicare tutte le forze psicofisiche al progetto del CT: passare dalla Nettarina al Giro d'Italia Under 23. Ormai ci siamo, 400 giorni di lavoro per 7 giorni di corsa per una maglia rosa e una giovane promessa”.

DAL 9 AL 15 GIUGNO: OTTO TAPPE DI CUI UNA SEMITAPPA IN SETTE GIORNI PER 956 KM - L’ANALISI DEL CT CASSANI

Due tappe per velocisti, una per cronoman, due per scattisti e due per scalatori: “Una corsa di cui si sentiva la mancanza e che aiuterà il nostro movimento under a crescere” – dice Cassani,

1^ TAPPA (venerdì 9 giugno) – IMOLA – IMOLA km 132,2 - “Due salite importanti; gli sprinter se la dovranno sudare”

2^TAPPA (sabato 10 giugno) CASTELLARANO – S. VALENTINO DI CASTELLARANO km. 145, 8 - “Tappa per scattisti con arrivo si uno strappo di 1500 metri abbastanza complicato”

3^ TAPPA (domenica 11 giugno) BAGNARA DI ROMAGNA – FORLI’ km 140,5 km - “Tappa costellata da cinque GPM sulle salite che bene conosco e sulle quali Simoni costruì la vittoria al Giro d’Italia 2003 tra i professionisti. Da non sottovalutare il Monte Casale ed il monte Trebbio. Si delinea da qui la classifica generale”

4^ TAPPA (Lunedì 12 giugno) FORLI’ – GABICCE MARE Km 155.5 - “Salvo qualche leggera ondulazione sul finale, è una tappa per velocisti”

5^ TAPPA - 1^ SEMITAPPA: SENIGALLIA – OSIMO km 87.2 - “Tappa breve con finale mosso al centro storico di Osimo"

2^ SEMITAPPA: CAMPOCAVALLO (OSIMO) CRONOMETRO INDIVIDUALE 14.00 Km - "Nel pomeriggio, per questioni logistiche la cronometro nella frazione di Campocavallo”.

6^ TAPPA (Mercoledì 14 giugno) FRANCAVILLA AL MARE – CASALINCONTRADA km 132,2 - “Spazio agli scattisti con arrivo in cima ad un muro”

7^ TAPPA (Giovedì 15 giugno) FRANCAVILLA AL MARE – CAMPO IMPERATORE km 148.9 - “Tappa regina con la Cima Pantani dedicata al Pirata. Suggestiva e spettacolare proprio per la logistica dove si chiuderanno i giochi”.

PARTECIPAZIONE

28 squadre ognuna composta da sei corridori di cui 11 straniere (su 35 richieste pervenute all’organizzazione). 15 club italiani che avranno accesso tramite un ranking in ambito nazionale/Federale tra i mesi di febbraio e maggio 2017. Tre saranno le selezioni regionali in omaggio alle regioni ospitanti il Giro: Emilia - Romagna; Marche Abruzzo.

STAFF - 450 saranno gli addetti ai lavori coinvolti

COPERTURA TVRAI SPORT dedicherà 1 ora di trasmissione giornaliera di utte le tappe - Cassani affiancherà la telecronaca.

LE TRE REGIONI OSPITANTI

Stefano Bonaccini (Presidente Regione Emilia-Romagna): “Il ciclismo è uno degli sport più popolari, la nostra regione ha dato e continua a dare tantissimo a questo sport”.

In rappresentanza della Regione Marche è intervenuto Fabio Sturani (Componente Giunta Nazionale Coni Marche): “La nostra regione dal punto di vista ciclistico è molto vivace. Questo Giro è un biglietto da visita che vuole trasmettere un messaggio positivo sulla nostra regione colpita dal terremoto. Ci auguriamo che questo possa essere un appuntamento significativo con una continuità”.

In rappresentanza della regione Abruzzo, l’assessore Dino Pepe: “Ringrazio i comuni che hanno accolto queste tappe in particolare siamo convinti che l’Aquila si possa ancor più rilanciare con il ciclismo e diventare una città delle più belle città d’Europa”.

SPONSOR E MAGLIE

Maglia Rosa (Leader Classifica Generale) - Enel

Carlo Tamburi (Direttore Country Italy Enel). “Grande entusiasmo di Cassani coincide con i valori per noi importanti. Enel e la maglia rosa sta diventando un matrimonio sempre più forte. Il nostro obiettivo è anche aiutare il Paese a crescere aiutando i giovani in tutti i campi, anche nello sport per mettersi in luce. Vicinanza ai giovani e noi facciamo tante cose per i giovani nelle scuole, nella formazione. Aiutare il paese a crescere aiutando i giovani in tutti i campi. Siamo sul territorio e facciamo sempre qualcosa per essere vicini, in maniera concreta, alle persone di queste tre regioni colpite dal terremoto. Noi siamo sul territorio vogliamo essere vicino alle persone soprattutto in queste tre regioni. Noi da sempre facciamo qualcosa per essere vicini in maniera concreta per dare speranze nel medio lungo termine. Vicini a questo meraviglioso sport in questo contesto e in questa organizzazione".

Maglia Rossa (Classifica a punti) - Vodafone

Simona Vandelli (Events and Sponsorship). “Siamo onorati di rappresentare la classifica a punti. Il ciclismo è nel dna di questo Paese”.

Maglia verde (classifica GPM) - Friliver® Sport Dompé Primary

Eugenio Aringhieri (Amministratore Delegato Dompé). "Siamo un'azienda farmaceutica e il nostro lavoro consiste nel fornire risposte di salute alle persone. La nostra responsabilità consiste anche però nel promuovere una corretta cultura del benessere e della prevenzione. Dobbiamo aggiungere vita agli anni e non solo anni alla vita".

Maglia Blu (Classifica Intergiro) - Gls Corriere Expresso

Simone Vicentini (Direttore Generale) “Orgogliosi di questa iniziativa volta ai giovani e riguarda territori a noi vicini. Noi facciamo trasporti e usiamo le biciclette per fare le consegne nelle grandi città”.

Maglia Nera (Ultimo Classifica Generale) – Pinarello

Davide Cassani “Questa maglia ha una storia. Chi la indossa non è detto che sia il più scarso, ma magari soltanto il più sfortunato”.

Tutte le auto in corsa saranno sponsorizzate Suzuki Italia, come spiega il Direttore Generale Massimo Nalli. “Ci piace mettere il marchio dove c’è passione soprattutto negli organizzatori. Speriamo che la passione dei corridori sia la ciliegina sulla torta”.

Tutte le maglie sono state realizzate dall’azienda Castelli e disegnate da Aldo Drudi.

Chiusura per Roberto Sgalla, Direttore Centrale delle Specialità delle Polizie di Stato. “Il nostro motto è esserci sempre per garantire la sicurezza, a maggior ragione per questi eventi importanti”.

Ufficio Stampa Giro d’Italia U23 Enel

Davide Benericetti

Cell +39. 349.3696409

Email – press@giroditaliau23.it