1 Ottobre Ott 2017 1743 2 months ago

Luis Leon Sanchez finisseur a Monteveglio

Lo spagnolo gioca d’anticipo e vince il 22° G.P. Bruno Beghelli con dedica a Michele Scarponi – Sul podio Colbrelli e Viviani

Beghelli Arrivosanchez

Monteveglio (BO) (10/1) – Gioca d’anticipo con il più classico dei contropiedi a 3 km dal traguardo Luis Leon Sanchez schizzando fuori dal gruppetto scremato dal suo compagno di squadra Valgren sull’ultima ascesa dello Zoppolino. Ci sono anche Sonny Colbrelli, Elia Viviani e Michael Albasini, ruote veloci da evitare in un arrivo in volata (Photobicicailotto).

Lo spagnolo dell’Astana guadagna 12” che difende a denti stretti nell’ultimo tratto centrando il bersaglio del 22° Gran Premio Bruno Beghelli, ultima corsa stagionale organizzata dal Gs Emilia di patron Adriano Amici, e taglia il traguardo con alcuni metri di vantaggio sugli immediati inseguitori.

Beghelli Podiobis1ottobre

Questo l’epilogo di una corsa condotta a media elevatissima e animata fin dai primi km. I primi attaccanti sono Simone Bernardini (Sangemini Mg K Vis), Pavel Brutt (Gazprom Rusvelo), Sebastian Lander (GM Europa Ovini) e Mattia Viel (Unieuro Trevigiani). Conducono per un buon tratto con un vantaggio massimo superiore ai sei minuti.

La reazione del gruppo aumenta all’ingresso del circuito finale fino ad annullare il tentativo a due giri dal termine.

Neppure il tempo di rifiatara e partono al contrattacco in 13: Cherel (Ag2r), Juul Jensen (Orica Scott), Perez (Cofidis), Reichenbach (FDJ), Bono (UAE), Chernetski (Astana), Van Poppel (Sky), Kluge (Orica), Boaro (Bahrain Merida), Busato (Wilier), Dougall (Dimension Data), Pantano (Trek Segafredo) e Vendrame (Androni Sidermec).

La fuga non prende consistenza perché dietro si pedala molto forte. Alla penultima scalata di Zappolino, il gruppo colma il gap e a 20 km dall’arrivo si rimescolano di nuovo le carte: al GPM restano in 4 davanti. Si tratta di Juul Jensen (Orica Scott), Reichenbach (FDJ), Bono (UAE), Chernetski (Astana). A 15” inseguono il team Sky al servizio di Elia Viviani e la Bahrain Merida al servizio di Sonny Colbrelli

Colmato anche questo buco, ci pensa Valgren, compagno di squadra di Luis Leon Sanchez, a fare selezione sullo Zappolino. Alla fine della discesa un gruppetto fa la differenza. Comprende anche Colbrelli, Viviani e Albasini.

A questo punto Sanchez tenta il tutto per tutto. Guadagna 12” e conserva il vantaggio in vista dell’ultimo km. Ormai la speranza di riprenderlo è ridotta al lumicino. Sanchez vola verso il traguardo, solleva le braccia al cielo e subito dopo l’arrivo dedica la vittoria a Michele Scarponi.

Beghelli Volatagruppetto

La volata per i posti d’onore, serratissima, è vinta da Colbrelli al fotofinish su Viviani (nella foto sopra).

Sanchez vanta in carriera anche quattro vittorie di tappa al Tour de France e due edizioni della Clasica San Sebastian.

Beghelli Podio1ottobre

ORDINE DI ARRIVO

  1. Luis Leòn Sanchez (Astana) in 4h27”39
  2. Sonny Colbrelli (Bahrain Merida) a 6”
  3. Elia Viviani (Team Sky)
  4. Michael Albasini (Orica Scott)
  5. Alberto Bettiol (Cannondale Drapac)
  6. Andrea Pasqualon (Wanty Groupe Gobert)
  7. Marco Canola (Vini Fantini Nippo De Rosa)
  8. Julien Simon (Cofidis)
  9. Simone Consonni (UAE Team Emirates)
  10. Jérémy Roy (Fdj)