16 Luglio Lug 2014 0200 4 years ago

UNDER 23: Super Poker del Team Colpack a Ornago

Strada

Strada news
Al traguardo di Ornago nella 46° Medaglia D’Oro Nino Ronco a.m. sfilano Francesco Rosa, Francesco Lamon, Luca Pacioni e Simone Consonni

Ornago (MB) (13/7) - Formidabile poker del Team Colpack che piazza ben 4 corridori ai primi 4 posti dell’ordine d’arrivo di questa classicissima dedicata agli U23 e che ricorda il professionista di Ornago, Nino Ronco, tragicamente scomparso il 15 luglio1948 in seguito a un grave incidente nel corso del Giro della Lorena in Francia esattamente a Nancy. Vincitore della gara, organizzata dal GS Nino Ronco col Patrocinio del Comune di Ornago, rappresentato dall’Assessore allo Sport Villa, Francesco Rosa, trentino, alla sua prima affermazione stagionale dedicata ai suoi compagni, ai D.S. Bevilacqua, Valoti e Rossella Di Leo e al presidente signor Beppe Colleoni.
Dice il vincitore: “Facevo parte della fuga di sei corridori raggiunti proprio a 4 chilometri dal traguardo; abbiamo subito organizzato un treno per evitare pericolosi affondo nel finale, che abbiamo fatto proprio noi della Colpack a circa un chilometro dall’arrivo. Io e Lamon abbiamo dato un grosso strappo che ci ha avvantaggiati di una cinquantina di metri sugli avversari e siamo andati al traguardo seguiti dai nostri compagni per una vittoria che sarà ricordata a lungo”.
Sono 105 i corridori che prendono il via, Mossiere la signora Wilma, nipote di Nino Ronco al quale la gara è dedicata, ed è subito grande bagarre con la formazione al comando di un plotoncino di 6 corridori: Farimbella (F. Magni-Boltiere), Cima e Andreoletti (Colpack), Baronti (Pala Fenice) e Bennati (Pool Cantù). Breve passerella, seguita subito da un tentativo di Mattia Saronni (UC Pregnana-Team Scout), che dopo qualche centinaio di metri cede il testimone alla coppia Bramati (Cipollini) e Ciccone (Colpack), passati nell’ordine sotto lo striscione del primo TV-Antica Bottega del Santuario.
Il percorso è spalmato sui 19 km circa del circuito attraverso i centri di Ornago, Roncello, Basiano, Cambiago, Colnago, Burago e Ornago per chiudere il cerchio, un percorso completamente piatto e ripetuto 7 volte).
La corsa scorre sempre velocissima, i tentativi si susseguono in continuazione. Cade Davide Calappi (Cipollini), trasportato in ospedale per le ferite riportate e suturate con alcuni punti.
Al secondo TV sfreccia Oggioni (Cipollini) davanti a Pedante (Colpack), mentre al terzo TV è Lanna ad intascare il primo premio davanti ad un altro alfiere della Colpack, Ciccone.
La corsa è all’insegna di fughe che durano pochissimo ma che vedono sempre i ragazzi della Colpack tra i protagonisti.
Durante il quarto giro prende decisamente il largo Masnada (Colpack), subito affiancato da Brocchetti (Pala Fenice). I due danno vita alla fuga più lunga di giornata, circa 38 chilometri, vantaggio massimo 30”. Transitano sotto il TV con Masnada seguito a ruota da Brocchetti. Poi sono raggiunti verso la fine del quinto giro, quando nasce un altro tentativo di fuga animato dallo stesso Masnada che non si è arrende, seguito da Taormina (Cipollini), Bondesan (Gerbi), Daverio e Solina (Cerone), Carletto (Named) e Bresciani (Generalstore). Al TV che si disputa ad ogni passaggio Campello (Cerone) regola Masnada (Colpack).
L’ultima fuga di giornata è spenta a meno di 4 chilometri dal traguardo, poi è “l’orchestra” della Colpack a suonare la musica con le note squillanti di Rosa e Lamon che conquistano le prime due piazze e Pacioni che completa il podio per una scia che vede Consonni al quarto posto per un poker in livrea Team Colpack,

Vito Bernardi

Ordine d’arrivo, 1. Francesco Rosa (Team Colpack) Km. 133,00 in 2h52’, media 46,395;
2. Francesco Lamon (Team Colpack); 3. Luca Pacioni (Team Colpack); 4. Simone Consonni (Team Colpack); 5.Riccardo Minali (Generalstore-Bottoli-Zardini-Merida); 6.Francesco Bartolini (Viris Maserati-Sisal); 7.Francesco Castegnaro (Team Pala Fenice); 8.Manuel Cucciniello (M.I. Impianti-Remer-Guerciotti); 9.Karmelo Halilaj (M.I. Impianti-Remer-Guerciotti