23 Maggio Mag 2015 2030 4 years ago

La supercrono proietta Contador in vetta al Giro

Vittoria di tappa al bielorusso Kiryenka, l'asso spagnolo stravince la sfida per la classifica, Aru tiene a bada Uran per il secondo posto e riveste la maglia bianca di miglior giovane

Giroitalia14

Valdobbiadene (TV) (23/5) – La supercrono da Treviso a Valdobbiadene restituisce la maglia rosa ad Alberto Contador (nella foto Bettini a sinistra), protagonista di una prestazione superba sotto la pioggia. Fabio Aru (nella Photobicailotto a destra) si difende come può in una specialità dove non è stato mai eccelso. Cede al rivale 2’47”, forse più del preventivato, ma conserva il secondo posto in classifica a 2’28”. A mente fredda non è poi così deluso. Il lavoro specifico di questo inverno ha dato frutti, visto che il temibile Rigoberto Uran non è riuscito a strappargli più di 16” e l’australiano Richie Porte è naufragato non trovando la forza mentale e fisica per reagire alle tante disavventure con un colpo d’ala.

Tutta l’attenzione era ovviamente rivolta al confronto tra i big, ma va reso il giusto omaggio al bielorusso Vasil Kiryienka (Team Sky), vincitore della tappa con il tempo di 1h17'52", alla media di 45,770 km orari, con 12” di vantaggio su Luis Leon Sanchez (Astana), e 14" su Alberto Contador (Tinkoff Saxo), che ha sfiorato il bersaglio pieno tappa-maglia con uno strabiliante finale in rimonta. Il fuoriclasse spagnolo ha dato il massimo per mettere la massima distanza tra sé e i rivali prima delle grandi montagne. Da domani comincia un altro capitolo.

Miglior italiano di giornata è stato Fabio Felline, ottimo ottavo. In classifica, dopo Aru, che indossa di nuovo la maglia bianca di miglior giovane, seguono il suo compagno di squadra Dario Cataldo, sesto a 4’50”, e Damiano Caruso (BMC Racing), ottavo a 4’56”.

LA TAPPA DI DOMANI

Tappa n. 15 – MAROSTICA - MADONNA DI CAMPIGLIO – 165 km
Percorso - Tappa di alta montagna con arrivo in salita. Si risale inizialmente la Valdastico fino al GPM di La Fricca per poi affrontare la lunga discesa fino a Trento dove si superano i primi chilometri della salita del Monte Bondone che si lascia in direzione di Sarche, Terme di Comano e Tione di Trento. A 40km dall’arrivo la salita molto impegnativa di Passo Daone con una pendenza media sopra il 9% e punte fino al 14% nella parte centrale. Discesa impegnativa, su strada di montagna (carreggiata ristretta) con alcuni tornanti e pendenze mediamente elevate fino a Spiazzo. Si riprende quindi a risalire dapprima in falsopiano fino a Pinzolo e poi al 6% medio fino in prossimità degli ultimi 3km dopo aver attraversato l’abitato di Madonna di Campiglio.

Ultimi km - Salita finale a partire da Carisolo di 15,5km con pendenze molto costanti sempre attorno al 6,5% fino a Madonna di Campiglio dove si attraversa l’abitato (breve tratto in pavé) e in uscita si incontrano le pendenze massime (12%). Ultimi 2km ancora attorno al 7% su strada ben pavimentata, asfaltata e all’arrivo di larghezza 5,5 metri.

14^ TAPPA

1

Vasil Kiryienka (Blr, Team Sky) Km. 59,4 in 1h17’52”

2

Luis Leon Sanchez (Spa, Astana Pro Team) a 12”

3

Alberto Contador (Spa, Tinkoff-Saxo) a 14”

4

Patrick Gretsch (Ger, AG2R La Mondiale) a 23”

5

Steven Kruijswijk (Ned, LottoNL-Jumbo) a 1’09”

6

Tanel Kangert (Est, Astana) a 1’17”

7

Jurgen Van Den Broeck (Bel, Lotto-Soudal) a 1’25”

8

Fabio Felline (Ita, Trek Factory Racing) a 1’26”

9

Tobias Ludvigsson (Swe, Team Giant-Alpecin) a 1’27”

10

Luke Durbridge (Aus, Orica-GreenEdge) a 1’36”

15

Andrey Amador (CRc, Movistar Team) a 1’48”

23

Rigoberto Uran (Col, Etixx - Quick-Step) a 2’45”

29

Fabio Aru (Ita, Astana Pro Team) a 3’01”

55

Richie Porte (Aus, Team Sky) a 4’20”

CLASSIFICA GENERALE

1

Alberto Contador (Spa, Tinkoff-Saxo) in 55h39’00”

2

Fabio Aru (Ita, Astana Pro Team) a 2’28”

3

Andrey Amador (CRc, Movistar Team) a 3’36”

4

Rigoberto Uran (Col, Etixx - Quick-Step) a 4’14”

5

Jurgen Van Den Broeck (Bel, Lotto Soudal) a 4’17”

6

Dario Cataldo (Ita, Astana Pro Team) a 4’50”

7

Mikel Landa Meana (Spa, Astana Pro Team) a 4’55”

8

Damiano Caruso (Ita, BMC Racing Team) a 4’56”

9

Roman Kreuziger (Cze, Tinkoff-Saxo) a 4’57”

10

Leopold Konig (Cze, Team Sky) a 5’35”

NEWS CORRELATE

Finale shock a Jesolo: vince Modolo, cade Contador, maglia rosa ad Aru

Sul Monte Berico si rivede un grande Gilbert

Zakarin da Formula Uno a Imola

Nicola Boem corona a Forlì la fuga targata “Italia”

Paolo Tiralongo trionfa a San Giorgio del Sannio

Intxausti, fuga per la vittoria a Campitello Matese

Diego Ulissi ritrova a Fiuggi la strada del successo

Greipel anticipa Pelucchi e Modolo a Castiglione

L’Abetone incorona Polanc e fa uscire allo scoperto i tre big

Giovani azzurri crescono: gran numero di Formolo a La Spezia

Matthews, lampo rosa a Sestri Levante

Elia Viviani tocca il cielo con un dito a Genova

L’Orica dona a Gerrans la prima rosa

GIRO D’ITALIA: Sabato il via dalla Riviera dei Fiori

MAGLIE
MAGLIA ROSA – BALOCCO – Alberto Contador (TINKOFF SAXO)
MAGLIA ROSSA – ALGIDA – Elia Viviani (TEAM SKY)
MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM – Beñat Intxausti (MOVISTAR TEAM)
MAGLIA BIANCA – EUROSPIN – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM)