18 Agosto Ago 2015 2022 3 years ago

ELITE/U23: Luca Pacioni, una saetta a Guazzora

Quinto centro per il romagnolo del Team Viris Maserati-Sisal-Chiaravalle che regola Lonardi (General Store-bottoli Zardini), Fedrigo (Cipollini Alè Rima) e il resto del gruppo

Guazzora2015 Soncini

Guazzora (AL) (18/8) - È una saetta il romagnolo di Gatteo Mare, Luca Pacioni, che sbuca velocissimo ai 50 metri dal traguardo e conquista la 98^ edizione del Circuito Guazzorese, gara decana di tutte le prove del Basso Valle Scrivia ma anche di tutto il calendario ciclistico piemontese, che vede sempre il sindaco di Guazzora, Pierino Cereda, in cabina di regia (nelle foto Soncini l’arrivo e il podio).

Pacioni, livrea del Team Viris-Maserati-Sisal-Chiaravalli, 22 anni compiuti lo scorso 13 agosto, è alla sua quinta vittoria stagionale, che dedica a tutta la squadra per il grande lavoro svolto oggi nel ricucire in continuazione la corsa e nel lanciarlo verso la vittoria nello sprint finale a gruppo compatto. Pacioni si allena spesso col suo compaesano Manuel Belletti, professionista del Team Southwest e, col prossimo 5 settembre, esordirà da stagista col Team Lampre-Merida.

La cronaca - Sono 171 i corridori che prendono il via da via Statuto nel centro di Guazzora, mossiere il signor Pierluigi Autelli, ex presidente del GS Bassa Valle Scrivia e padre di Guido, deceduto il 22 dicembre 1995, 20 anni fa, a causa di un incidente stradale, al quale il padre dedica questa gara sostenendola anche economicamente.

I primi 4 giri del circuito di circa 12 chilometri a tornata tutti disegnati nella rigogliosa campagna che circonda Guazzora scivolano a velocità cronometrata sempre sul filo dei 50 kmh rendendo quasi impossibili tutti i numerosi tentativi di fuga. Al 4° passaggio, primo traguardo volante valido per il Trofeo degli Sprinters, dove passano Davide Gabburo (Generalstore) e Carmelo Foti (Viris-Maserati) ai quali si accodano Mosca (Viris), Molteni (Cipollini), Zorzan (Generalstore), Pietra (Vigili del Fuoco Genova) e Pellizzola (Palazzago) che pedaleranno con pochissimi secondi di vantaggio sul gruppo compatto per una decina di chilometri..

Poi è una serie di scatti e contro scatti tutti esauritisi nel volgere di qualche centinaio di metri fino al formarsi in testa della coppia Foti ed Amici, entrambi della Viris-Maserati, che passeranno nell’ordine al secondo TV di giornata al passaggio dell’ottavo giro.

All’inizio del nono giro è Luca Raggio (Overall Cycling Team) ad accendere la miccia mettendosi in testa alla corsa per 7 chilometri prima di essere ripreso da un plotoncino di corridori che poi cambierà in rapida successione, ma il gruppo rimane quasi sempre a ranghi compatti fino all’ultimo giro, quando la Viris-Maserati balza decisamente in cattedra e fa capire ampiamente le proprie intenzioni e negli ultimissimi metri mette Pacioni nella condizione ideale per lanciare lo sprint. Il romagnolo di Gatteo Mare lo interpreta alla perfezione incuneandosi con precisione millimetrica tra gli avversari per tagliare da trionfatore il traguardo che, per lui, equivale al quinto successo stagionale e la conquista della leadership provvisoria nella classifica generale del Trofeo Bassa Valle Scrivia e Val Curone, grazie alla piazza d’onore conquistata lo scorso 8 agosto nella prima prova, quella di Casalnoceto vinta dallo zalfino Marco Gaggia.

Vito Bernardi

ORDINE D’ARRIVO: 1. Luca Pacioni (Viris Maserati-Sisal Chiaravalli), km. 119 in 2h37’, media 45,478; 2. Giovanni Lonardi (General Store-bottoli Zardini); 3. Leonardo Fedrigo (Cipollini Alè Rima); 4. Andrei Voicu (Rou-Gfdd Altopack Titano); 5. Mattia De Mori (General Store-bottoli-Zardini); 6. Mirco Pieroni (Big Hunter Seanes); 7. Riccardo Minali (Team Colpack); 8. Nikolai Shumov (Blr-General Store); 9. Niko Colonna (Team Palazzago Fenice); 10. Cristian Comaglio (Gavardo Bi&Esse-Carrera-Tecmor).