12 Settembre Set 2015 2023 3 years ago

VUELTA A ESPAÑA: Trionfa Aru, Dumoulin getta la spugna

Il campione sardo sostenuto da una grande Astana sgretola la resistenza dell’olandese, che perde anche il podio – I complimenti del Presidente Di Rocco - Vittoria di tappa a Plaza (Lampre Merida), De Marchi terzo, Montaguti e Moser nella Top Ten

Aru Vuelta20 4

San Lorenzo de El Escorial to Cercedilla (SPA) (12/9) - Una tappa epica, un’impresa straordinaria. E Fabio Aru ha messo le mani sulla Vuelta: è in maglia rossa, e domenica a Madrid sarà incoronato vincitore della 70^ edizione della corsa spagnola, il sesto italiano di sempre dopo Angelo Conterno (1956), Felice Gimondi (1968), Giovanni Battaglin (1981), Marco Giovannetti (1990) e Vincenzo Nibali (2010).

Il successo di giornata, sul traguardo della Cercedilla dopo quattro gran premi della montagna di prima categoria, è andato allo spagnolo della Lampre-Merida Ruben Plaza, autore di una grandissima azione solitaria durata oltre cento chilometri (terzo si è piazzato il nostro Alessandro De Marchi). Ma ai fini delle classifica generale conta enormemente di più quello che è successo alle spalle dei fuggitivi.

L’impresa di Fabio Aru è cominciata a circa una cinquantina di chilometri dalla fine, quando con il suo attacco in salita quasi alla fine del secondo passaggio sul Gpm della Morcuera ha cominciato a sgretolare la resistenza di Tom Dumoulin. Perfetta anche la tattica dell’Astana: Mikel Landa ha assistito Fabio in salita, poi si sono rivelati strategici anche Luis Leon Sanchez e Zeits che erano in fuga e sono stati fermati per rifinire l’azione decisiva. In discesa, Dumoulin si era avvicinato fino a 10” di distacco, poi ha riperso contatto ed è andato letteralmente alla deriva, finendo addirittura sesto nella generale, lontano dal podio.

Quel podio che domenica, in Piazza Cibeles a Madrid, vedrà sul gradino più alto Fabio Aru (con 1’17” su Purito Rodriguez e 1’29” su Majka). Già terzo al Giro d’Italia 2014 e secondo al Giro d’Italia 2015. E adesso primo alla Vuelta, a 25 anni compiuti da poco: più giovani di lui tra gli italiani a vincere un grande giro, di recente, solo Cunego 2004 e Saronni 1979 al Giro d’Italia. E la meravigliosa sensazione è che questo, per Fabio Aru, sia solo l’inizio (foto Bettini).

FONTE: www.gazzetta.it

I COMPLIMENTI DEL PRESIDENTE DI ROCCO

Un plauso vivissimo a tutti gli atleti che ci hanno regalato un grande spettacolo e tante emozioni. La bellissima impresa di Fabio Aru è il degno epilogo di una Vuelta a Espana che ci ha entusiasmato e tenuto con il fiato sospeso tappa dopo tappa. É la vittoria del cuore, dello spirito di squadra e dell'orgoglio, che esalta anche il valore dell'avversario. Ma è anche la vittoria del ciclismo italiano, che in Spagna si è mostrato competitivo con i giovani Gianluca Brambilla e Moreno Moser, sino a Domenico Pozzovivo, Alessandro De Marchi, Matteo Montaguti, Cataldo e Rosa e tutti gli altri in gara. Un ottimo auspicio in vista degli imminenti Campionati del Mondo a Richmond”

TWITTER DEL PREMIER RENZI

Mitico Fabio Aru, la #Vuelta2015 è tua. E adesso orgogliosi delle nostre ragazze #Usopen

20^ TAPPA

1 Ruben Plaza Molina (Spa) Lampre-Merida 04:37:05
2 Jose Goncalves (Por) Caja Rural-RGA Seguros 00:01:07
3 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team 00:01:08
4 Romain Sicard (Fra) Europcar 00:01:29
5 Amael Moinard (Fra) BMC Racing Team 00:01:30
6 Carlos Verona (Spa) Etixx-QuickStep
7 Sergio Luis Henao Montoya (Col) Team Sky
8 Kenny Elissonde (Fra) FDJ 00:01:35
9 Matteo Montaguti (Ita) Ag2r-La Mondiale 00:01:43
10 Moreno Moser (Ita) Team Cannondale-Garmin 00:02:40

CLASSIFICA GENERALE

1 Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team 83:01:40
2 Joaquim Rodriguez (Spa) Katusha 00:01:17
3 Rafal Majka (Pol) Tinkoff-Saxo 00:01:29
4 Nairo Quintana (Col) Movistar 00:02:02
5 Esteban Chaves (Col) Orica-GreenEdge 00:03:30
6 Tom Dumoulin (Ned) Giant-Alpecin 00:03:46
7 Alejandro Valverde Belmonte (Spa) Movistar 00:07:10
8 Mikel Nieve (Spa) Team Sky 00:07:26
9 Daniel Moreno (Spa) Katusha 00:07:32
10 Louis Meintjes (RSA) MTN-Qhubeka 00:10:46