13 Marzo Mar 2018 1920 3 months ago

T/A: Trionfa Kwiatkowski, la crono a Dennis

Al secondo posto assoluto il bravissimo Damiano Caruso, quinto contro il tempo Gianni Moscon

Ta Kiato Dennis

San Benedetto del Tronto (AP) (13/03) – La 53^ Tirreno-Adriatico è di Michal Kwiatkowski, primo polacco della storia a firmare l’Albo d’Oro della Corsa dei Due Mari. Al posto d’onore il generoso, bravissimo Damiano Caruso, che ha conteso fino al termine il Tridente della vittoria a Kwiatkowski. Terzo sul podio finale il britannico Geraint Thomas, compagno di squadra del vincitore.

La cronometro di San Benedetto del Tronto ha visto la vittoria dell’australiano Rohan Dennis (BMC Racing Team) per 3” sull’olandese Jos Van Emden (Team Lotto Nl – Jumbo) e 7” sullo spagnolo Jonathan Castroviejo (Team Sky). Ottima la performance di Gianni Moscon (Team Sky) quinto a 11” e primo degli italiani nella gara contro il tempo sulla distanza di 10 km.

Nella Top Ten della classifica finale, oltre a Caruso, anche Davide Formolo (Bora – Hansgrohe).

Il belga Tiesj Benoot vince la classifica di miglior giovane, Nicola Bagioli in maglia verde è il re degli scalatori, a Jacopo Mosca in maglia arancione la classifica a punti.


LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

La Maglia Azzurra, Michal Kwiatkowski, ha dichiarato: "Ero molto nervoso mentre facevo riscaldamento perché pioveva. Avevo paura che qualcosa potesse andare storto e quindi ho deciso di fare molta attenzione nelle curve rallentando. Complessivamente mi sentivo bene e ho potuto fare una buona prestazione. La Tirreno-Adriatico è il successo in una corsa a tappe più importante della mia carriera. È una corsa bellissima con un trofeo stupendo. È anche una delle corse più dure. È stata una settimana difficile per il Team Sky. Abbiamo avuto un po' di sfortuna con Geraint Thomas ma alla fine eravamo davvero motivati per fare bene. Ci siamo riusciti. Questo trofeo mi dà una sensazione meravigliosa. Sono fiducioso nel Team Sky, mi aiuteranno al meglio nel tentativo di vincere nuovamente la Milano-Sanremo."

Il vincitore di tappa, Rohan Dennis: "Inizialmente non ero venuto alla Tirreno-Adriatico per fare classifica a differenza dell'anno scorso. Dovevo correre in supporto di Richie Porte. Una volta che Richie era fuori dai giochi Damiano [Caruso] era diventato il capitano per la CG. Speravo di poter ripetere oggi la prestazione dell'anno scorso. Sono andato più veloce, è un buon segno. Il mio allenatore ha detto che è normale fare fatica in giornate più lunghe come la frazione dedicata a Scarponi (Tappa 5). Gli ultimi due mesi e mezzo sono stati pesanti, ho corso tanto. Prenderò una pausa ora prima di riprendere al Tour de Romandie in vista del Giro d'Italia, il mio obiettivo non sarà la cronometro d'apertura ma far bene nel corso delle tre settimane."

Damiano Caruso, secondo classificato nella CG: "È un ottimo risultato per me e per la mia squadra. Mi rende più fiducioso per le prossime gare. Kwiatkowski è un ragazzo forte. Stamattina sapevo che sarebbe stato difficile batterlo. Ho dato il massimo. Mantenere il secondo posto su Geraint Thomas che è uno specialista è un risultato molto positivo! "

Geraint Thomas, terzo classificato nella CG: "Sono andato lento nelle curve a causa della pioggia. Non volevo cadere, assolutamente. Sapevo che la vittoria di tappa non era raggiungibile ma volevo salire sul podio finale. Il divario con Caruso era semplicemente troppo ampio. È bello essere il terzo. Il problema meccanico che ho avuto quando ero in Maglia Azzurra mi è costato la vittoria ma fortunatamente avevamo una squadra forte per vincere".

Il vincitore della Classifica a Punti Jacopo Mosca ha dichiarato: “È incredibile per me battere Peter Sagan nella Classifica a Punti. L’ho guardato correre oggi, sperando che non andasse a tutta e quando ho visto il suo intertempo ho capito che lui non avrebbe finito tra i primi sette, a quel punto ho capito che la maglia era mia. Ho faticato tanto questa settimana e porto a casa un bel risultato.”

Il Miglior Scalatore Nicola Bagioli ha detto: “All'inizio della Tirreno-Adriatico non mi aspettavo di salire sul palco per la ceremonia finale. Sono andato a caccia dei primi punti assegnati per la Maglia Verde nella seconda tappa e poi ho corso per portare a casa questo risultato. Spero di continuare a migliorarmi per raggiungere il livello dei corridori più forti.”

Il miglior giovane Tiesj Benoot: "Avevo il 50% di possibilità di mantenere la Maglia Bianca contro Jaime Roson. Con le condizioni di bagnato è stata una cronometro difficile. Dovevo andare veloce ma non ho corso troppi rischi. Sono riuscito a vincere la Maglia Bianca e conquistare la quarta posizione in CG: è una sorpresa più grande della vittoria alle Strade Bianche. Non avevamo fatto una buona cronosquadre di apertura ma adesso sono complessivamente molto contento di questa mia settimana alla Tirreno. "

Peter Sagan, premiato come corridore più combattivo, ha dichiarato: "Non ho vinto una tappa ma sono contento di come è andata questa settimana. Ho fatto un buon lavoro, ogni giorno mi sentivo sempre meglio. La mia forma è ok per questo periodo dell'anno. Tutto sta andando secondo i piani. È bello per Kwiatkowski vincere la Tirreno-Adriatico. Avremo un'altra partita interessante sabato: la Milano-Sanremo. "

7^ TAPPA

  1. Dennis Rohan (Aus, Bmc Racing Team) Km. 10 km in 11’14”81, media 53,412
  2. Van Emden Jos (Ola, Team Lotto Nl – Jumbo) a 3”23
  3. Castroviejo Jonathan (Spa, Team Sky) a 7”34
  4. Pedersen Mads (Dan, Trek – Segafredo) a 7”73
  5. Moscon Gianni (Ita, Team Sky) a 11”74
  6. Hepburn Michael (Aus, Mitchelton – Scott) a 12”64
  7. Bauer Jack (Nzl, Mitchelton – Scott) a 12”86
  8. Durbridge Luke (Aus, Mitchelton – Scott) a 16”40
  9. Roglič Primož (Slo, Team Lotto Nl – Jumbo) a 17”51
  10. Kiryienka Vasil (Blr, Team Sky) a 17”90
  11. Froome Chris (Gbr, Team Sky) a 19”26
  12. Kwiatkowski Michal (Pol, Team Sky) a 19”62
  13. Thomas Geraint (Gbr, Team Sky) a 22”19
  14. Bevin Patrick (Nzl, Bmc Racing Team) a 22”26
  15. Oliveira Nelson (Por, Movistar Team) a 22”34
  16. Campenaerts Victor (Bel, Lotto Soudal) a 22”36
  17. Impey Daryl (Rsa, Mitchelton – Scott) a 22”97
  18. Ladagnous Matthieu (Fra, Groupama – Fdj) a 23”01
  19. Mullen Ryan (Irl, Trek – Segafredo) a 24”10
  20. Jungels Bob (Lux, Quick - Step Floors) a 24”40

CLASSIFICA FINALE

  1. Michal Kwiatkowski (Pol, Team Sky) in 25h32’56”
  2. Damiano Caruso (Ita, BMC Racing Team) 0:00:24
  3. Geraint Thomas (GBr, Team Sky) 0:00:32
  4. Tiesj Benoot (Bel, Lotto – Soudal) 0:01:06
  5. Adam Yates (GBr, Mitchelton – Scott) 0:01:10
  6. Mikel Landa Meana (Esp, Movistar Team) 0:01:13
  7. Davide Formolo (Ita, Bora – Hansgrohe) 0:01:15
  8. Jaime Roson Garcia (Esp, Movistar Team) 0:01:15
  9. George Bennett (NZl, Team LottoNL – Jumbo) 0:01:16
  10. Rigoberto Uran (Col, EF Education First - Drapac p/b Cannondale) 0:01:22
  11. Vincenzo Nibali (Ita, Bahrain – Merida) 0:01:59
  12. Fabio Aru (Ita, UAE Team Emirates) 0:02:02
  13. Romain Bardet (Fra, Ag2r La Mondiale) 0:02:31
  14. Domenico Pozzovivo (Ita, Bahrain – Merida) 0:02:34
  15. Alexey Lutsenko (Kaz, Astana Pro Team) 0:03:07

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Gazprom - Michal Kwiatkowski (Team Sky,
  • Maglia Arancione, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Sportful - Jacopo Mosca (Wilier Triestina - Selle Italia,
  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati - Nicola Bagioli (Nippo - Vini Fantini - Europa Ovini,
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da FIAT - Tiesj Benoot (Lotto Soudal,