23 Settembre Set 2018 1923 2 months ago

STF: Podio mondiale per il Trofeo Bianchin

Ancora Pogacar alla ribalta, anticipa Bagioli (Colpack) e Champoussin (Chambery)

Bianchin Arrivo

Ponzano Veneto (TV) (23/09) - Ancora lui! Un eccellente Tadej Pogacar (Slovenia National Team), dopo la vittoria del Tour de l’Avenir e del Giro del Friuli, torna al successo sulle strade italiane andando a cogliere una strepitosa vittoria al 49^ Trofeo Bianchin, alla fine di una lunga fuga cominciata dopo 78 chilometri di gara, confermando ancora una volta di essere lui l’uomo da battere ai prossimi Campionati del mondo di Innsbruck.

Il Trofeo Bianchin numero 49 può così festeggiare un "podio mondiale": Tadej Pogacar ha preceduto, infatti, sulla linea del traguardo l'azzurro Andrea Bagioli (Colpack) e il transalpino Clement Champoussin (Chambery).

In 141 atleti hanno preso il via da Ponzano Veneto (Tv) dalla Becher House, con la regia organizzativa del Vc G. Bianchin, sotto un cielo grigio per una gara che prevedeva complessivamente 163 km, nove giri di un circuito pianeggiante per poi spostarsi verso il Montello dove i corridori hanno affrontato per quattro volte un circuito collinare e successivo rientro a Ponzano Veneto per l'arrivo.

I primi 75 chilometri pianeggianti sono stati corsi ad una andatura sostenutissima che ha visto il gruppo annullare tutti i tentativi di fuga.

Verso il primo GPM posto sulla Presa X nasce la fuga di giornata composta da Tadej Pogacar (Slovenia), Andrea Bagioli (Team Colpack), Clement Champoussin(Chambèry Cyclisme Formation), Flavio Tasca (Work Service Videa Coppi Gazzera), Samuele Zoccarato (General Store Bottoli), Nicola Genuin (Gaiaplast Maglificio Bibanese) e Simone Zandomeneghi (Iseo Serrature Rime Carnovali).

Durante i giri collinari del Montello perdono contatto Genuin e Zandomeneghi che non riescono più a ricucire il gap via via sempre più ampio sui cinque battistrada, mentre il gruppo perde terreno arrivando ad accumulare un ritardo di più di 3’ dai fuggitivi.

Un’indomabile Pogacar vince i cinque GPM della giornata, forza il ritmo assieme al francese Champoussin verso l’ultimo GPM e a farne le spese sono Zoccarato e Tasca. Tasca però non si arrende, e riesce a ritornare sulla testa della corsa, cosa che non riesce a un generoso Zoccarato che lungo la strada verso l’arrivo di Ponzano è costretto ad alzare bandiera bianca.

Lo sprint finale vede un entusiasmante testa a testa fra Bagioli e Pogacar risolto solo dal fotofinish in favore di quest’ultimo che con un formidabile colpo di reni riesce a bruciare un altrettanto bravissimo Bagioli (foto Scanferla).

Oggi sentivo di stare bene e in salita ho provato più volte ad accelerare ma i miei compagni di fuga non mi hanno lasciato spazio. Sono felice di aver vinto su questo traguardo così prestigioso. Si tratta di un risultato importante che mi da ancora più entusiasmo e fiducia in vista del Campionato del Mondo in linea di Innsbruck" ha spiegato dopo il traguardo un sorridente Tadej Pogacar.

Qualche rammarico, invece, per Andrea Bagioli che da martedì sarà in ritiro con la nazionale guidata dal ct Marino Amadori: "Ci ho provato fino all'ultimo ma purtroppo Pogacar mi ha preceduto di pochi centimetri. Anche oggi le sensazioni sono state buone, spero di potermi prendere la rivincita venerdì al mondiale."

Guarda a Innsbruck anche il francese Clement Champoussin: "Oggi in salita ci siamo dati battaglia con Pogacar. E' stata una gara bellissima, mi sono divertito molto. Purtroppo ho trovato due atleti più veloci di me che mi hanno preceduto sul traguardo ma posso dire di essere comunque soddisfatto e pronto per la sfida di venerdì".

Entusiasta per lo spettacolo della 49^ edizione del Trofeo Bianchin, il presidente del Vc Gianfranco Bianchin, Bonaventura Pizzolon che ha sottolineato: "Oggi abbiamo vissuto una corsa straordinaria interpretata in maniera superba da un gruppo di giovani campioni. Per noi è un orgoglio poter applaudire questi atleti sulle nostre strade e questo podio è all'altezza della storia e del blasone della nostra manifestazione. Voglio ringraziare tutti i nostri sponsor, a partire da Becher House e Conad, tutta l'amministrazione comunale e tutti i volontari che oggi hanno collaborato per la piena riuscita di questa manifestazione. Ora guardiamo con entusiasmo all'edizione numero 50 per cui vogliamo mettere in cantiere molte importanti novità".

ORDINE D’ARRIVO
1. Tadej Pogacar (Slovenia)
che compie i 163 km in 3h42'55" alla media dei 43,873 km/h
2. Nicola Bagioli (Colpack)
3. Clement Champoussin (Chambery) a 1”
4. Flavio Tasca (Work Service) a 4”
5. Samuele Zoccarato (General Store bottoli) a 29”
6. Cristian Rocchetta (General Store bottoli) a 2’04”
7. Mirco Sartori (Mastromarco)
8. Tommaso Fiaschi (Mastromarco)
9. Leonardo Marchiori (Zalf Euromobil Désirée Fior)
10. Emanuele Favero (Cyberteam)