12 Aprile Apr 2019 1520 12 days ago

Parigi-Roubaix: Benvenuti all'Inferno

Oggi la terza corsa monumento del calendario UCI in diretta TV su RaiSport dalle 11.30

Parigiroubaix Pave

Roubaix (FRA) – Dopo le emozioni del Giro delle Fiandre prepariamoci a vivere domenica prossima 14 aprile quelle che ci regalerà la 117esima edizione della Parigi-Roubaix, la più affascinante tra le classiche del nord, terza corsa monumento del calendario UCI.

29 TRATTI DI PAVÈ - Partenza da Compiègne, da percorrere 257 km con 29 settori di pavè sparsi su 54,5 km. Arrivo al velodromo di Roubaix. Il percorso ciottolato comincia intorno ai 100 km dopo il villaggio di Troisvilles . l gruppo potrà onorare la memoria di Michael Goolaerts tra Briastre e Viesly. Dopo l’ultimo sopralluogo gli organizzatori Christian Prudhomme e Thierry Gouvenou, hanno ufficializzato i diversi gradi di difficoltà dei 29 settori in pavé che caratterizzeranno la Parigi-Roubaix 2019, in base alla loro lunghezza, all’irregolarità dei ciottoli, alle condizioni generali dei settori e alla loro posizione.

Il Trouée d’Arenberg (km 164.5), il Mons-en-Pévèle (km 212) e il Carrefour de l’Arbre (km 242.5) restano gli unici settori con cinque stelle di difficoltà. Sono stati necessari diversi cambiamenti, soprattutto nella prima parte di gara. Accorciato, ad esempio, a soli 900 metri, il primo settore di Troisvilles, ma diverse altri parti della corsa sono state alterate. Nella seconda parte, invece, a partire daValenciennes (settore 23), la corsa ricalcherà esattamente lo stesso percorso dell’edizione 2018.

I 29 settori di pavé della Paris-Roubaix

29: Troisvilles à Inchy (km 97,5 - 0,9 km) **
28: Briastre à Viesly (km 108,5 - 3 km) ****
27: Viesly à Quiévy (km 101,5 - 1,8 km) ***
26: Quiévy à Saint-Python (km 116 - 3,7 km) ****
25: Saint-Python (km 118,5 - 1,5 km) **
24: Vertain à Sain-Martin-sur-Ecaillon (km 127,5 - 2,3 km) ***
23: Verchain-Maugré à Quérénaing (km 136,5 - 1,6 km) ***
22: Quérénaing à Maing (km 140,5 - 2,5 km) ***
21: Maing à Monchaux-sur-Ecaillon (km 142,5 - 1,6 km) ***
20: Haveluy à Wallers (km 156,5 - 2,5 km) ****
19: Trouée d'Arenberg (km 164,5 - 2,3 km) *****
18: Wallers à Hélesmes (km 170 - 1,6 km) ***
17: Hornaing à Wandignies (km 179 - 3,7 km) ****
16: Warlaing à Brillon (km 185 - 2,4 km) ***
15: Tilloy à Sars-et-Rosières (km 188,5 - 2,4 km) ****
14: Beuvry à Orchies (km 194 - 1,4 km) ***
13: Orchies (km 199 - 1,7 km) ***
12: Auchy à Bersée (km 206,5 - 2,7 km) ****
11: Mons-en-Pévèle (km 212 - 3 km) *****
10: Mérignies à Avelin (km 215,5 - 0,7 km) **
9: Pont-Thibault à Ennevelin (km 220 - 1,4 km) ***
8: Templeuve - L'Epinette (km 224 - 0,2 km) *
8: Templeuve - Moulin-de-Vertain (km 225 - 0,5 km) **
7: Cysoing à Bourghelles (km 232 - 1,3 km) ***
6: Bourghelles à Wannehain (km 234,5 - 1,1 km) ***
5: Camphin-en-Pévèle (km 239,5 - 1,8 km) ****
4: Carrefour de l'Arbre (km 242,5 - 2,1 km) *****
3: Gruson (km 244 - 1,1 km) **
2: Willems à Hem (km 251 - 1,4 km) ***
1: Roubaix (km 256 - 0,3 km) *

I PARTECIPANTI - L'ASO ha invitato sette squadre wildcard ad unirsi alle squadre WorldTour nella gara di quest'anno. Tra i favoriti Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), che ha vinto l'edizione 2018 davanti al compagno di fuga Silvan Dillier (AG2R La Mondiale). Il terzo arrivato Niki Terpstra non sarà al via dopo l'incidente al Giro delle Fiandre che gli ha causato una commozione cerebrale.

Altri corridori attesi sono Taylor Phinney e Sep Vanmarcke (EF Education First), Greg Van Avermaet (Team CCC), Alexander Kristoff (Emirati Arabi Uniti), Andre Greipel (Arkea Samsic), John Degenkolb e Jasper Stuyevn (Trek- Segafredo), Lars Boom (Roompot-Charles), Wout Van Aert (Jumbo-Visma), Magnus Cort (Astana), Arnaud Demare (Groupama-FDJ), Tiesj Benoot (Lotto Soudal), Zdenek Stybar (Deceuninck-QuickStep), Philippe Gilbert e Kasper Asgreen.

GLI ITALIANI AL VIA - E' la corsa, per noi italiani, di Francesco Moser, che l'ha vinta tre volte consecutive, Gimondi, Coppi, Ballerini e Tafi, l'ultimo a vincerla nel 1999. E' stata anche la corsa di Alessandro Ballan, qui tre volte terzo anche dopo il trionfo al Fiandre. Quest'anno ripartiamo proprio dal fantastico volo di Alberto Bettiol di domenica scorsa anche se Alberto non sarà al via per scelte diverse della sua formazione. Il successo al Fiandre dà coraggio alla pattuglia italiana al via e dimostra cbe non bisogna essere in tanti per ambire alla vittoria, ma motivati e in codizioni. Capofila del gruppo sicuramente Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), che ha un feeling particolare con le classiche del Nord e che vorrà provare a ripetere l'europeo di Glasgow. Occhio anche a Filippo Ganna che conosce questi posti e sa come si vince; l'ha fatto nel 2016 tra gli U23. Non sarebbe il primo (anzi ci sono diversi nomi illustri) a far bene qui dopo aver dominato sul tondino. Lui e Gianni Moscon, compagno in Sky, potrebbero rappresentare la sorpresa. Non dimentichiamoci infine di Danel Oss (Bora-Hangsgrohe), anche se probabilmente sacrificato per il capitano Sagan, e Edoardo Affini, compagno di squadra di Trentin e con caratteristiche che si adattano perfettamente alle pietre dell'inferno.

I 25 TEAM E I PRINCIPALI PARTECIPANTI

GLI ITALIANI AL VIA


BORA–HANSGROHE: Sagan (SVK), Burghardt (GER), Oss (ITA)

AG2R–LA MONDIALE: Naesen, Vandenbergh (BEL), Dillier (CHE)

MITCHELTON–SCOTT: Trentin (ITA), Affini (ITA), Mezgec (SLO), Hepburn (AUS)

DIRECT ENERGIE: Petit, Gaudin, Turgis (FRA)

CCC TEAM: Van Avermaet, Van Keirsbulck (BEL)

TREK–SEGAFREDO: Degenkolb (GER), Stuyven (BEL), Pedersen (DAN)

EF EDUCATION FIRST: Vanmarcke (BEL), Langeveld (OLA), Phinney (USA) Modolo (ITA)

KATUSHA–ALPECIN: Politt (GER), Haller (AUT)

DECEUNINCK-QUICK STEP: Gilbert, Lampaert (BEL), Štybar (CZE), Asgreen (DNK)

GROUPAMA–FDJ: Démare, Sarreau (FRA), Guarnieri (ITA)

TEAM SKY: Rowe (GBR), Moscon (ITA), Ganna (ITA), Van Baarle (OLA)

UAE TEAM EMIRATES: Kristoff, Bystrøm (NOR), Ferrari (ITA), Marcato (ITA), Gaviria (COL)

ASTANA PRO TEAM: De Vreese (BEL), Nielsen (DAN), Ballerini

BAHRAIN–MERIDA: Haussler (AUS), Mohorič (SLO), Sieberg (GER), García (SPA), Agnoli (ITA)

WANTY GOBERT CYCLING TEAM: Backaert (BEL), Pasqualon (ITA)

MOVISTAR TEAM: Roelandts (BEL), Bennati (ITA)

DELKO–MARSEILLE PROVENCE KTM: Filosi (ITA), Šiškevičius (LTU)

LOTTO–SOUDAL: Benoot, Keukeleire (BEL)

COFIDIS: Laporte, Hofstetter (FRA)

ARKÉA–SAMSIC: Greipel (GER)

VITAL CONCEPT–B&B HOTELS: Ermenault (FRA), Boeckmans (BEL)

TEAM SUNWEB: Pedersen (DAN), Arndt (GER)

TEAM JUMBO–VISMA: Van Aert, Wynants (BEL), Jansen (NOR), Teunissen (OLA)

ROOMPOT–CHARLES: Boom (OLA)

TEAM DIMENSION DATA: Boasson Hagen (NOR), Eisel (AUT)


GLI ITALIANI PROTAGONISTI ALLA PARIGI-ROUBAIX

1897 1° Maurice Garin

1898 1° Maurice Garin

1937 1° Jules Rossi

1949 1° Serse Coppi ex equo con André Mahé

1950 1° Fausto Coppi 3° Magni

1951 1° Antonio Bevilacqua

1952 1° Rik Van Steenberger; 2° Fausto Coppi

1955 1° Jean Forestier; 2° Fausto Coppi

1966 1° Felice Gimondi

1974 1° Roger De Valeminck; 2° Francesco Moser

1978 1° Francesco Moser

1979 1° Francesco Moser

1980 1° Francesco Moser

1981 1° Bernard Hinault; 3° F. Moser

1983 1° H. Kuiper; 3° F. Moser

1993 1° Duclos Lassalle; 2° Franco Ballerini

1994 1° Tchmil; 2° Fabio Baldato; 3° Franco Ballerini

1995 1° Franco Ballerini

1996 1° Musseuw; 2° Gianluca Bortolami; 3° Andrea Tafi

1998 1° Franco Ballerini; 2° Andrea Tafi

1999 1° Andrea Tafi

2003 1° P. Van Petegem; 2° Dario Pieri

2006 1° F. Cancellara; 3° Alessandro Ballan

2008 1° Tom Boonen; 3° Alessandro Ballan

2009 1° Tom Boonen; 2° Filippo Pozzato

2012 1° Tom Boonen; 3° Alessandro Ballan