12 Dicembre Dic 2019 0938 3 months ago

Prima riunione a Bacchereto per il Tricolore Under 23

Messi a fuoco gli aspetti organizzativi della gara in programma il prossimo 20 giugno

BACCHERETO DI CARMIGNANO (PO) - Prima riunione operativa ieri sera a Bacchereto di Carmignano, la località in provincia di Prato dove il prossimo anno alla data di sabato 20 giugno si svolgerà il Campionato Italiano Under 23 assegnato dalla Federciclismo lo scorso 29 novembre. Per questa piccola località che ospita dal 1954 il Giro del Montalbano è un evento irripetibile e gli organizzatori della Seanese Corse con Marco e Filippo Fuochi, il G.S. Bacchereto con l’inossidabile Luciano Lenzi (pensate un po’ ha organizzato tutte e 64 le edizioni precedenti del Montalbano) si sono messi subito al lavoro con grande entusiasmo e con la collaborazione del Comune di Carmignano tramite l’assessore allo sport Stefano Ceccarelli e della Regione Toscana, con il consigliere Nicola Ciolini. Nel corso della prima riunione si è parlato soprattutto di due aspetti, quello del percorso da presentare alla Struttura Tecnica Nazionale, e quello della logistica e sicurezza, tenuto conto delle caratteristiche dal punto di vista geografico di Bacchereto, mentre nessun problema dal punto di vista finanziario. L’attenzione concentrata sulle zone di parcheggio e soprattutto la zona di arrivo in salita non molto spaziosa per l’allestimento di palchi, transenne e attrezzature varie. Esiste a tale proposito anche un Piano B che prevede ritrovo e partenza da Bacchereto con arrivo a Seano ai piedi della collina dove lo spazio disponibile sarebbe maggiore. Quanto al percorso dopo un avvio pianeggiante ci potrebbe essere un primo passaggio da Bacchereto e dal breve “muro” di Madonna del Papa, quindi alcuni giri del Circuito Mediceo con la salita da Seano a Carmignano, quindi nuovo passaggio prima della conclusione da Bacchereto.

Tutti aspetti peraltro da valutare ed oggetto naturalmente di altri incontri e riunioni. La macchina organizzativa del tricolore Under 23 si è messa praticamente in moto e gli organizzatori intendono fare della manifestazione un vero e proprio grande evento.

ANTONIO MANNORI