20 Settembre Set 2020 1916 one month ago

Tour de France - Pogacar nella storia

Per il 21enne sloveno la frazione di oggi è stata la passerella d'onore - L'ultimo sprint e e la maglia verde a Sam Bennett, Caruso nella Top Ten finale

Podioparigi

L'utima maglia ancora non assegnata al termine della cronoscalata di ieri di questo Tour de France era quella verde della classifica a punti. Sam Bennett, vincendo la volata finale, la prestigiosa passerella ai Campi Elisi, ha avuto ragione definitivamente di Peter Sagan, terzo nell'occasione.

Le altre maglie ieri avevano trovato il padrone definitivo, che ha un unico nome: Tadej Pogacar. La 21^ tappa di oggi è stata l'occasione per il quasi 22enne sloveno di festeggiare il prestigioso trofeo e l'imminente compleanno (domani). La storia di questo Tour si era consumata ieri con la micidiale cronoscalata che ha visto il più giovane sull'altare e Roglic nella polvere.

La volata finale è stata vinta, come detto, da Sam Bennett (Deceuninck-Quick Step), secondo Mads Pedersen, terzo Peter Sagan, quinto Elia Viviani. Per l'Italia si chiude un Tour avaro di soddisfazioni, con l'unica eccezione legata a Damiano Caruso, ottimo coéquipier di Landa e che chiude al nono posto della generale.

Con una pattuglia non folta già all'inizio dell'avventura francese, gli italiani si sono un po' persi per strada. Aru si è fermato subito, mentre l'italiano forse più in forma e che avrebbe potuto regalare qualche soddisfazione è stato messo fuori gioco da una caduta e conseguente frattura. Stiamo parlando di Davide Formolo, che ha cercato anche di recuperare in tempo per il mondiale prima di lanciare definitivamente la spugna e comunicare la sua indisponibilità a Cassani.

E' stato protagonista anche Matteo Trentin, che ha animato le volate per i punti della verde ed anche messo il suo zampino in alcune delle fughe più interessanti. Ha raccolto a nostro avviso meno di quanto ha seminato e comunque un terzo posto nella classifica finale a punti. La Movistar conquista la classifica a squadre davanti alla Jumbo Visma.

Resta a nostro avviso, come bella cartolina di questa edizione, il lungo abbraccio prima della partenza tra Pogacar e il grande sconfitto Roglic, raggiunti in testa al gruppo dagli altri sloveni Mezgec, Mohoric e Polanc.

LE MAGLIE

maglia gialla - classifica finale - Tadej POGACAR (UAE Team Emirates)

maglia verde - classifica a punti - Sam BENNETT (Deceuninck - Quick-Step)

maglia a pois - classifica degli scalatori - Tadej POGACAR (UAE Team Emirates)

maglia bianca - classifica miglior giovane - Tadej POGACAR (UAE Team Emirates)


21^ TAPPA

  1. Sam Bennett (Deceuninck - Quick – Step) in 2h 53' 32''

  2. Mads Pedersen (Trek – Segafredo)

  3. Peter Sagan (Bora – Hansgrohe)

  4. Alexander Kristoff (Uae Team Emirates)

  5. Elia Viviani (Cofidis)

  6. Wout Van Aert (Team Jumbo – Visma)

  7. Caleb Ewan (Lotto Soudal)

  8. Hugo Hofstetter (Israel Start-Up Nation)

  9. Bryan Coquard (B&B Hotels - Vital Concept P / B Ktm)

  10. Maximilian Walscheid (Ntt Pro Cycling Team)


CLASSIFICA FINALE

  1. Tadej Pogacar (Uae Team Emirates) in 87h 20' 05''

  2. Primož Roglic (Team Jumbo – Visma) a 59''

  3. Richie Porte (Trek – Segafredo) a 3'30”

  4. Mikel Landa (Bhrain – Mclaren) a 5' 58''

  5. Enric Mas (Movistar Team) a 6' 07''

  6. Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team) a 6' 47''

  7. Tom Dumoulin (Team Jumbo – Visma) a 7' 48''

  8. Rigoberto Uran (Ef Pro Cycling) a 8' 02''

  9. Adam Yates (Mitchelton – Scott) a 9' 25''

  10. Damiano Caruso (Bahrain – Mclaren) a 14' 03''