19 Ottobre Ott 2023 1031 9 months ago

Elite e U23 - Lo sprint di Baseggio regala l'ultimo successo alla Trevigiani

La stagione è iniziata con la vittoria di Immanuel D’Aniello a Fucecchio ed è finita il successo di Matteo Baseggio che ha firmato il Gran Premio d'Autunno ultima gara della stagione dilettanti che si è svolta ad Acquanegra sul Chiese nel Mantovano.

IMG 4202

La stagione è iniziata con la vittoria di Immanuel D’Aniello a Fucecchio ed è finita il successo di Matteo Baseggio che ha firmato il Gran Premio d'Autunno ultima gara della stagione dilettanti che si è svolta ad Acquanegra sul Chiese nel Mantovano. Il velocista della Trevigiani Energiapura Marchiol di Romano d’Ezzelino (ma di padre trevigiano, Dino, che correva con la Trevigiani) allo sprint ha regolato i compagni di fuga Gianluca Cordioli, della Sissio Team, e Lino Colosio della Arvedi Cycling.

«Matteo Zurlo e Maurizio Cetto sono stati in fuga più di metà gara in un gruppetto di circa 15 unità. Poi la fuga decisiva - racconta entusiasta Matteo Baseggio - con me c’erano. Gianluca Cordioli, Lino Colosio e il campione olimpico del quartetto su pista e mondiale a Roubaix 2021 Francesco Lamon dell’Arvedi». Ma restano in tre per la classifica finale, perché il veneziano Checco Lamon non può essere classificato nelle gare su strada e si è fermato all’ultimo giro. Un velocista in meno. Via libera per Matteo Baseggio che vince in volata. «Dedico questa ultima vittoria a tutti i miei compagni, ai direttori sportivi, allo staff tecnico, al presidente Barzi, a tutti gli sponsor che ci hanno sostenuto e alla mia famiglia: abbiamo concluso la stagione davvero alla grande. Adesso vado in vacanza - festeggia Matteo - chi ben finisce ben comincia». Al sottoscritto - al termine della Coppa d’Inverno di domenica: «Non ho più spazio per i tuoi risultati di quest’anno». Matteo al cronista: «Trovalo, trovalo per martedì». Mai fidarsi degli atleti: infatti aveva ragione lui. Buone vacanze, Matteo.

Matteo Baseggio è alla quarta vittoria nel 2023: cronocoppie a Porto Sant’Elpidio il 14 aprile, Pontedera il 15 aprile, San Giorgio in Nogaro, prima tappa del Giro del Friuli, il 31 agosto. Vanta anche due secondi posti a Sommacampagna il fantastico bis con Cristian Rocchetta il 28 agosto e a Sannazzaro il 20 settembre arrivo al fotofinish con Marco Manenti. Ha vinto la maglia gialla dei traguardi volanti al Giro del Veneto, due quarti posti a Castelluccio il 3 giugno e il 18 giugno a Gambellara e inoltre cinque quinti posti: Ceresara il 25 marzo, Castel d’Ario l’8 aprile, Brescia il 4 luglio, a Ponsacco il 10 ottobre e domenica a Biassono.

È la dodicesima vittoria per l’Uc Trevigiani Energiapura Marchiol. Nove su strada: 26-2 Immanuel D’Aniello a Fucecchio; 19-3 Samuele La Terra Pirrè a Napola; 25-3 Matteo Zurlo a Ceresara; 14-4 Zurlo-Baseggio nella crono a coppie di Porto S. Elpidio; 15-4 Matteo Baseggio a Pontedera; 30-6 Matteo Zurlo Col Drusciè-Cortina penultima tappa del Giro del Veneto; 29 agosto Cristian Rocchetta a Sommacampagna. 31-8 San Giorgio di Nogaro (prima tappa del Giro del Friuli) Matteo Baseggio. 5-9 Sona: Cristian Rocchetta, 17-10 Acquanegra sul Chiese: Matteo Baseggio.

IL PRESIDENTE DEL FCI DAGNONI: “UC TREVIGIANI: UNA SOCIETÀ CHE FA ONORE AL CICLISMO”

Alla premiazione era sul podio il presidente della Federazione Ciclistica Italiana Cordiano Dagnoni. “Una corsa senz’altro positiva quella della Trevigiani – afferma il presidente nazionale – praticamente hanno dominato la corsa, prima con la fuga Zurlo e Cetto e poi con la vittoria di Baseggio. Davvero complimenti. Hanno fatto un finale di stagione esaltante, una società che fa onore al ciclismo italiano”.

È al settimo cielo il presidente dell’Uc Trevigiani Energiapura Marchiol Ettore Renato Barzi: «Sono soddisfatto di questa annata e dei risultati conseguiti grazie al lavoro di squadra e alla sinergia tra atleti, direttore sportivo staff tecnico e tutti gli amici sponsor che ci hanno seguito durante le gare, facendo il tifo e dimostrando di far parte appieno della nostra grande famiglia. Specialmente l’ultima parte della stagione dalle vittorie di Cristian Rocchetta, alla vittoria di Matteo Baseggio nella tappa di Giro del Friuli, alla maglia rossa di Cristian Rocchetta sempre al Giro del Friuli. Il fiore all’occhiello è arrivato da Matteo Zurlo dalla specialità gravel: titolo tricolore, campionato europeo, mondiale in terra trevigiani e Serenissima Gravel. Siamo partiti bene - il gongolante presidente Ettore Renato Barzi - dalla vittoria di Immanuel D’Aniello il 26 febbraio, non potevamo desiderare di meglio per questa ultima battuta di stagione: dopo le vittorie sfiorate dello scorso fine settimana, oggi possiamo festeggiare in grande. Complimenti a Matteo e a tutto l’entourage in trasferta oggi in terra lombarda». Alla premiazione ha presenziato il presidente della Federazione Ciclistica Italiana Cordiano Dagnoni.

Sandro Bolognini

ORDINE D'ARRIVO

1 Matteo Baseggio (Uc Trevigiani Energiapura Marchiol) km 100 in 2h03'25”alla media 48.616 km/h 2 Gianluca Cordioli (Sissio Team) 3 Lino Colosio (Arvedi Cycling) 4 Simone Buda (Solme Olmo) a 5" 5 Michael Minali (Campana Imballaggi Geo&Tex) 6 Elia Menegale (Solme Olmo) 7 Michael Cattani (Arvedi Cycling) 8 Matteo Fiorin (Pool Cantù GB Junior) 9 Tommaso Rigatti (Sissio Team) 10 Alessio Menghini (Solme Olmo)