7 Dicembre Dic 2023 1009 2 months ago

Toscana - Pol. Tripetetolo 2024

La società di Lastra a Signa in costante crescita

Alcuni Atleti E Il Ds Dinucci Con Il Trofeo Del Tour

Lastra a Signa(FI) - L’esposizione del Trofeo Grand Dèpart del Tour de France presso l’istituto scolastico secondario “Leonardo Da Vinci” di Lastra a Signa, è stata l’occasione per presentare anche la locale squadra dilettanti élite e under 23 della Pol. Tripetetolo ed i programmi per il 2024, alla presenza della sindaca Angela Bagni. Sono tre i segnali importanti per il prossimo anno e che confermano la volontà della Polisportiva Tripetetolo di Lastra a Signa, di crescere ancora nella stima e nella considerazione degli amanti del pedale. Sono la conferma di tutti gli sponsor a partire dal Gruppo E, Car Center, Cotto Ref e Fabbri Carrelli Elevatori, ma c’è anche un’entrata importante quella del Gruppo Estra Spa, azienda affermata e conosciuta nel settore energetico. Secondo aspetto il rinnovamento della squadra attuato dal presidente Walter Biancolini, dalla general manager Sonia Ceccarelli, dal tandem tecnico con il team manager Daniele Masiani e il direttore sportivo, Massimiliano Dinucci, con l’arrivo di un sestetto che assieme alla riconferma di sette atleti, porta a quota 13 il numero dei corridori per il prossimo anno. Infine terzo elemento e segnale di ulteriore crescita, quello organizzativo con ben 4 gare da allestire. Il 27 aprile un’inedita gara a Lastra a Signa per i 70 anni del Circolo Arci di via Livornese, due giorni dopo la terza edizione della gara dalla Fattoria Rocca di Montemassi (Gr) al Castello di Albola a Radda in Chianti, in luglio la cronoscalata da Limite sull’Arno verso Castra e il Montalbano (oltre ai dilettanti forse anche juniores e allievi), ed infine la tradizionale gara (Trofeo Comune) a Lastra a Signa a fine agosto.

LA SQUADRA: Lorenzo Viviani, Edoardo Bartalesi, Niccolò Biancolini, Giacomo Gheri, Luca Mazza, Umberto Morea, Matteo Novani (tutti riconfermati), Samuele Bigalli, Simone Cesari, Alessandro Pinai, Alessandro Prato, Flavio Venomi, Giovanni Apuzzo.

Antonio Mannori