COMUNICATO N. 01 - REGOLAMENTO DI AMMISSIONE GIRO CICLISTICO D’ITALIA GIOVANI UNDER 23 ANNO 2022

Comunicato N. 01 del 28 gennaio 2022

   Milano, 28 gennaio 2022

 

 

COMUNICATO NR. 01                                                            SETTORE STRADA

 

 

REGOLAMENTO DI AMMISSIONE GIRO CICLISTICO D’ITALIA GIOVANI UNDER 23 ANNO 2022

 

Le squadre che parteciperanno al Giro Ciclistico d’Italia Giovani U23 cl. 2.2 MU, in calendario dal 8 al 18 giugno 2022, saranno suddivise così come segue:

  • Squadre italiane di club nr. 17
  • Squadre straniere di club nr. 17
  • Non sono ammesse squadre nazionali
  • Eventuale Rappresentativa Regionale / interregionale nr. 1
  • Totale Squadre nr. 35

 

Le squadre Italiane interessate alla partecipazione al Giro d’Italia U23 devono farne richiesta alla S.T.F. Settore

strada (strada@federciclismo.it e in c.c. info@extragiro.it), entro il 15 febbraio 2022.

 

Le squadre saranno composte da un minimo di 4 ad un massimo di 5 atleti:

  • Nel caso di 5 atleti partenti dovranno essere schierati al via almeno 4 atleti italiani;
  • Nel caso di 4 atleti partenti dovranno essere schierati al via almeno 3 atleti italiani;

 

Ammissione delle squadre italiane:

Le squadre italiane saranno ammesse ad invito. La scelta delle squadre ammesse sarà a cura della società organizzatrice del Giro d’Italia Giovani U23, basandosi su parametri di meritocrazia, sulle attività tecnico atletiche, sui risultati conseguiti negli anni precedenti e tenendo strettamente in considerazione l’organico degli atleti Under 23 dell’anno 2022, che dovrà essere comunicato al momento della richiesta di partecipazione.

Inoltre, nella richiesta, dovranno essere comunicati anche i nominativi dei possibili 5 atleti che parteciperanno al Giro.

 

 

Selezione: Gli organizzatori del Giro comunicheranno le Squadre ammesse entro il 28 marzo 2022;

Nella eventuale Rappresentativa Regionale/Interregionale non potranno essere presenti atleti la cui squadra è al via;

 

Il Presidente Commissione Strada

         (Luciano Fusar Poli)